Roncade, accoltella il barista Paolo Andreetta la dipendente Silvia Cannavina è libera

La cuoca di Monastier, che si trovava agli arresti domiciliari con l’accusa di tentato omicidio per aver colpito con un coltello il suo datore di lavoro a Roncade, è tornata il libertà.

La donna di 32 anni ha colpito il barista di Treviso Paolo Andreetta, che aveva subito detto di averla perdonata. Silvia Cannavina è comparsa di fronte al Gip Umberto Donà per l’interrogatorio di convalida dell’arresto. Accompagnata dal suo legale, l’avvocato Ivonne Tanieli, la giovane ha ammesso di aver colpito il datore di lavoro, a differenza di quanto sostenuto la sera del fatto. Incalzata dagli inquirenti sarebbe crollata dicendo di aver perso la testa e di averlo accoltellato anche se non intenzionalmente.

Il giudice, non ravvisando né l’intenzionalità del gesto né la volontà di far male, e quindi tanto meno quella di uccidere, ha stabilito che potrebbe essersi trattato davvero di un incidente, decidendo così di revocare la misura di custodia cautelare.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento