Gli Usa ricordano i 50 anni del Bloody Saunday

La marcia di Selma in Alabama cambiò la storia dei neri d’America. Obama: “Ferguson non caso isolato. Selma è ora”. L’anniversario è ricordato anche come il “Bloody Saunday” con la polizia che caricò la folla che protestava per il diritto di voto agli afroamericani.

L’anniversario cade in un momento in cui tanti episodi legati al razzismo, all’uso eccessivo della forza e ai metodi discriminatori della polizia dividono diverse comunità negli Usa.

9 su 10 da parte di 34 recensori Gli Usa ricordano i 50 anni del Bloody Saunday Gli Usa ricordano i 50 anni del Bloody Saunday ultima modifica: 2015-03-07T06:42:29+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

1 commento per “Gli Usa ricordano i 50 anni del Bloody Saunday

  1. wavettore
    7 marzo 2015 at 18:16

    Il Ponte di Selma
    Una qualsiasi possibilita’ per essere chiamata tale dovrebbe avere uno svolgimento dall’inizio alla sua fine. Il concetto di un Mondo ideale le cui condizioni e premesse iniziali non fossero raggiungibili dal punto in cui siamo oggi renderebbe quell’idea un utopia. Per essere definita come una possibilita’, almeno in teoria dovrebbe esistere un tracciato di percorso.
    Ma come sarebbe possibile creare un ponte ed arrivare a questo ipotetico Mondo ideale dal punto in cui siamo oggi?
    Come arrivare dal punto A al punto C non conoscendo il punto B?
    Riconoscerlo offrirebbe una Direzione.
    Inoltre, se anche un solo percorso esistesse questo farebbe di quell’idea non piu’ un utopia ma una possibilita’.
    Oggi quel simbolico Ponte e’ in Selma, Alabama, con la sua attraversata verso i lidi dell’Uguaglianza.
    Non piu’ una teoria ma una possibilita’.
    Solo da quel concetto sorgera’ una nuova Esistenza che sara’ distinta dal regno Animale.
    Il percorso e’ chiaro.

Lascia un commento