Confapi Matera su opportunità in Kazakhstan

Confapi Matera ha partecipato, presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico a Roma, alla Conferenza intergovernativa italo-kazaka sulla cooperazione industriale ed economica e sugli scambi tra Italia e Kazakhstan.

Il Kazakhstan, che ospiterà ad Astana l’edizione 2017 dell’Expo, offre interessanti prospettive di cooperazione economica in settori quali l’energia (sia idrocarburi che energie rinnovabili), l’agroalimentare (joint venture tra imprese italiane e imprese kazakhe), il farmaceutico e, più in generale, le nuove tecnologie. Altri settori di interesse sono le infrastrutture, la sanità, il turismo, la meccanica.

Secondo Standard&Poor’s, nell’ultimo decennio, il Kazakhstan, si è affermato tra i tre Paesi al mondo la cui economia ha avuto lo sviluppo più rapido. A rendere più concrete e interessanti le opportunità di investimento il dato dei potenziali consumatori a cui rivolgersi: un bacino di circa 170 milioni persone. Infatti, dal 2010, il Kazakhstan fa parte dello spazio economico comune con la Russia e la Bielorussa.

“Un Paese nuovo dove non c’è nessuna stagnazione di tipo economico o politico e che ha voglia di crescere e investire. Un ulteriore dato significativo è l’esistenza di ben 10 zone economiche speciali – ha concluso il presidente di Confapi Matera, Enzo Acito – dove si applica un regime speciale su benefici fiscali e doganali che diventa vantaggioso per i nostri imprenditori. All’Expo parteciperanno 100 Paesi del mondo e sarà visitato da 5 milioni di persone, un evento sul quale si stanno concentrando investimenti importanti soprattutto nel settore dell’edilizia che sta vivendo un momento di grande sviluppo e che offre prospettive interessanti anche agli imprenditori locali”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Confapi Matera su opportunità in Kazakhstan Confapi Matera su opportunità in Kazakhstan ultima modifica: 2015-02-27T03:16:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento