A Roma, il 25 e 26 febbraio, due interessanti eventi in tema di Migrazioni

Poster Argentina

Il 25 febbraio a Roma, presso Casa Argentina, in Via Veneto 7, si tiene la Giornata delle Culture migranti tra Italia e Argentina, prima edizione d’un evento che nella stessa data sarà celebrato ogni anno. Una riflessione a più voci sul patrimonio culturale consolidatosi in due secoli di migrazioni tra l’Italia ed il grande Paese latino americano, il più italiano del mondo per cultura ed entità degli italici in seno alla sua popolazione. “Il giorno di Stefano”, questo il titolo della manifestazione, è promosso ed organizzato dall’omonima Associazione culturale presieduta da Marina Rivera. Il nome metaforico della Giornata nasce dal romanzo “Stefano” della scrittrice argentina Maria Teresa Andruetto che narra le difficoltà vissute da un ragazzo italiano costretto ad emigrare in Argentina. Il romanzo sarà presto nelle librerie, tradotto in italiano da Mondadori, con il titolo “Il viaggio di Stefano”.

Roma, Casa Argentina

Roma, Casa Argentina

Ricco di spunti e sinestesie il programma della manifestazione, che prende avvio alle ore 18 con il saluto dell’Addetto Culturale dell’Ambasciata d’Argentina, Federico Gonzalez Perini, e con la presentazione delle organizzatrici Marina Rivera e Cristina Blake (Associazione Culturale “Il giorno di Stefano”). Alle 18:15 segue un breve video di Maria Teresa Andruetto e letture in spagnolo di brani tratti dal libro “Stefano”; alle 18:30  “Italia, andata e ritorno. La traduzione del viaggio di Stefano” a cura di Ilide Carmignani, introduce Simona Cives (Comune di Roma), e reading di brani del libro “Il viaggio di Stefano”; alle 19:00 la Tavola rotonda “Culture migranti tra Italia ed Argentina. Narrazioni e immagini”, introdotta e coordinata da Virginia Sciutto (Università del Salento), con gli interventi di Goffredo Palmerini, giornalista e scrittore, Maria Rosaria Stabili (Università Roma Tre) e Claudia Zaccai (Università di Roma La Sapienza); alle 19:40 “Culture migranti tra Italia e Argentina. Voci e Musica”, con un concerto dell’Artificio Vocal Ensemble, diretto dal M° Alberto De Sanctis.

Libri Sapienza 

Il 26 febbraio, alle ore 17, presso la Sapienza Università di Roma (Facoltà di Lettere e Filosofia, Aula A Dipartimento di Storia, 2° Piano), organizzato dai docenti Flavia Cristaldi e Stefano Pelaggi, si svolge l’interessante focus “Voci d’Autore. Sei volumi per le Migrazioni”, la presentazione incrociata di sei libri sulle migrazioni, nel senso che ciascun autore presenta il volume di un altro. Una kermesse che permette di aprire più finestre di riflessione sui temi dell’emigrazione e dell’immigrazione. L’evento si apre con il saluto dell’Ateneo, affidato al Prorettore Antonello Biagini, e al direttore del Dipartimento Paolo Di Giovine. Queste che seguono le pubblicazioni e i corrispondenti Autori (o curatori), mentre resta la sorpresa di conoscere al momento chi autore presenterà che cosa: Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo (Tiziana Grassi), Rapporto Italiani nel Mondo (Delfina Licata), Andarsene sognando (Eugenio Marino), E andarono per mar a piantar vigneti. Gli italiani nel Rio Grande do Sul (Flavia Cristaldi), Emigrazione e colonialismo in America Latina (Stefano Pelaggi), Percorsi migratori della contemporaneità (Silvia Aru, Andrea Corsale, Marcello Tanca). Lo sguardo di Autori prestigiosi su un così ampio campo di trattazione non mancherà di stimolare interessi ed approfondimenti in tema di migrazioni. Chi scrive è chiamato a coordinare gli interventi di presentazione e il dibattito con il pubblico.

Giova dare ora un breve cenno sulle opere oggetto di presentazione e sugli Autori. A cominciare dal Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo (SER ItaliAteneo e Fondazione Migrantes, 2014), opera monumentale la cui idea progettuale si deve a Tiziana Grassi, curato dalla stessa con Delfina Licata, Enzo Caffarelli, Gian Carlo Perego e Mina Cappussi.. Il volume si articola in 1.500 pagine con oltre 700 lemmi-articoli, 160 box di approfondimento, 17 appendici monotematiche, 500 illustrazioni a colori e in bianco e nero ed è il frutto del lavoro di 169 autori, nella maggior parte dei casi docenti universitari e rappresentanti di istituzioni e associazioni impegnate nell’ambito delle migrazioni italiane all’estero, supervisionati da un consiglio scientifico di 50 esperti che rappresentano l’Italia e numerose altre nazioni. Il Dizionario Enciclopedico racconta una pagina fondativa della storia italiana quale è stata la Grande Emigrazione tra Ottocento e  Novecento e che giunge fino ai nostri giorni con decine di migliaia di italiani che continuano a muoversi verso altre terre. Una pagina fatta di coraggio, di sacrifici, di sogni e conquiste e che ha visto partire oltre 27 milioni di connazionali, che oggi esprimono un portato di circa 80 milioni di oriundi. Il taglio del Dizionario è scientifico, i testi sono opera di studiosi esperti che hanno approfondito quasi ogni aspetto possibile del grande tema dell’Emigrazione italiana con gli strumenti analitici, le fonti accreditate, i richiami bibliografici in una prospettiva transdisciplinare. Tiziana Grassi è nata a Taranto, vive e lavora a Roma. Giornalista, ricercatrice e studiosa di migrazioni, è stata autrice di programmi televisivi di servizio per gli Italiani all’estero a Rai International e consulente di programmi culturali per Rai Uno. Laureata in Lettere Moderne, si interessa di Emigrazione-Immigrazione e di sociologia della comunicazione. Collabora con la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e ha insegnato in un Master post laurea presso il Dipartimento di Sociologia e Comunicazione dello stesso Ateneo. Ha pubblicato diversi volumi di saggi e poesie. E’ stata ideatrice del progetto e appassionata anima motrice del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo.

Rapporto Italiani nel mondo 2014

Rapporto Italiani nel Mondo (Fondazione Migrantes, Tau Edizioni, 2014). Giunto alla sua IX edizione, il Rapporto è un punto di riferimento essenziale per chiunque abbia necessità di approcciare le tematiche dell’emigrazione italiana. Il volume, curato da Delfina Licata, consta di 47 approfondimenti elaborati da 55 autori dall’Italia e dall’estero. E’ uno strumento culturale che si propone di trasmettere informazioni, nozioni, conoscenze sull’emigrazione italiana di ieri e di oggi, attraverso un linguaggio semplice ed immediato. L’intento di questa annuale fatica editoriale della Fondazione Migrantes è quello di mettere a disposizione del pubblico più vasto un testo che parli, in termini strutturali, di un aspetto fondamentale della “Storia di un Paese e della Storia di un popolo”, qual è l’emigrazione italiana, delle vicissitudini sociali, economiche, politiche, ma anche dei tanti problemi affrontati dai migranti in un mondo in costante e veloce cambiamento. Delfina Licata, ricercatrice sociale. Caporedattore del Rapporto Italiani nel Mondo, per la Fondazione Migrantes, ne è curatrice dal 2006, sin dalla prima edizione. È da diversi anni attenta studiosa delle tematiche legate alla mobilità umana e, in particolare, all’emigrazione italiana all’estero e all’immigrazione in Italia. Autrice e co-autrice di numerose pubblicazioni, di diversi saggi e articoli su volumi e riviste scientifiche, compreso il Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo, della quale opera ha tenuto il Coordinamento scientifico.

copertina-andarsene sognando

“Andarsene sognando” (Cosmo Iannone Editore, 2014) di Eugenio Marino è un volume che racconta l’emigrazione italiana attraverso la canzone. In molti si sono occupati della canzone italiana, anche personaggi del mondo della politica, ma in pochi hanno sviscerato il tema dell’emigrazione nella canzone. Eugenio Marino ricostruisce in questo libro la storia dell’emigrazione attraverso la canzone: il genere che probabilmente più della letteratura, della storiografia e della politica ha trattato il grande esodo italiano. E consegna a lettori e studiosi un’opera utile, completa e trasversale a tutti i generi musicali, per poter riflettere e avvicinarsi con serietà e rigore alle nostre comunità nel mondo e a un tratto portante della nostra identità nazionale, qual è l’emigrazione. Dal canto popolare dei movimenti migratori interni di tipo stagionale alle canzoni dei giovani “cervelli in fuga” diffuse su Youtube, passando per le canzoni di lotta, leggere, gastronomiche e del cantautorato italiano: un excursus nella storia della canzone italiana e dell’emigrazione che ricostruisce e rintraccia gli snodi fondamentali e le svolte, richiamando alla mente i principali protagonisti della storia della musica leggera italiana. Eugenio Marino è nato a Crotone nel 1973. Vive e lavora a Roma, dove si è laureato in Lettere Moderne con una tesi sui rapporti tra letteratura e canzone italiana d’autore, nello specifico su De André, Guccini e De Gregori. E’ responsabile del settore Italiani nel Mondo del Partito Democratico. Ha pubblicato tre libri e scritto numerosi articoli in tema di emigrazione.

Flavia Cristaldi

Flavia Cristaldi

Nel volume “E andarono per mar a piantar vigneti. Gli italiani nel Rio Grande do Sul” (Fondazione Migrantes, Tau Edizioni, 2015), freschissimo di stampa, Flavia Cristaldi esplora l’emigrazione italiana nel sud del Brasile. A distanza di 140 anni dalle prime partenze organizzate dall’Italia e dai primi arrivi nel Rio Grande do Sul, il volume ripercorre attraverso gli occhi di una geografa italiana i percorsi dei migranti indagando quei comportamenti e quelle strategie che hanno portato alla creazione in terra brasiliana di nuovi territori caratterizzati da elementi di italianità. Ponendo al centro del discorso la valorizzazione delle tradizionali tecniche vitivinicole, riproposte e riadattate al contesto brasiliano dai migranti, Flavia Cristaldi indaga l’azione dei contadini e delle loro famiglie nella costruzione di quei paesaggi segnati dall’uva e dal vino che ancora oggi raccontano le origini degli abitanti. L’appartenenza all’Italia e alla sua discendenza informano così il territorio, lo caratterizzano nei segni e nei valori culturali, ne determinano le forme e l’uso, raccontando al mondo il piacere di poter bere un bicchiere di vino di cui ogni goccia fa esplodere nella memoria e nell’inconscio l’epopea dei migranti italiani e delle loro conquiste. Flavia Cristaldi è professore associato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma La Sapienza e docente nei moduli di Geografia Umana e Geografia delle Migrazioni. È Consigliere della Società Geografica Italiana e membro del Comitato Scientifico del Rapporto Italiani nel Mondo e del Dizionario Enciclopedico delle migrazioni Italiane nel Mondo. Ha pubblicato più di 120 volumi e articoli in prestigiose sedi nazionali e internazionali, con una speciale attenzione ai temi delle migrazioni.

“Emigrazione italiana e colonialismo in America Latina”, di Stefano Pelaggi, è un testo di prossima pubblicazione ed è incentrato sui tentativi del Regno d’Italia di coniugare i flussi migratori con le esigenze di politica estera e  commerciale del paese. L’espansionismo in America latina è il prodromo delle forze che qualche decennio dopo porteranno il paese in Eritrea e in Libia, questa dinamica risponde al desiderio italiano di ottenere una statura internazionale ma soprattutto una volontà di sopravvivenza alle strategie politiche protezionistiche delle altre potenze europee. L’analisi si sofferma sulle azioni della Regia Marina in difesa delle comunità italiane nella regione, sul ruolo di un gruppo di studiosi della Società Geografica Italiana nella creazione di un ambiente culturalmente favorevole ai fini espansionistici e su alcune opere letterarie dedicate all’America Latina che segnarono l’immaginario collettivo. Stefano Pelaggi è Dottore di ricerca in “Storia dell’Europa” presso l’Università di Roma La Sapienza. Vice direttore del quotidiano L’Italiano, si occupa di emigrazione e relazioni internazionali. E’ autore di numerosi saggi ed articoli su tematiche storiche e geopolitiche. Svolge attività di ricerca e docenza presso La Sapienza Università, l’IULM di Milano e l’Università Niccolò Cusano di Roma.

Il volume “Percorsi migratori della contemporaneità” (CUEC editrice, 2014), a cura di Silvia Aru – Andrea Corsale – Marcello Tanca, è un interessante lavoro con qualificati contributi scientifici di numerosi studiosi e ricercatori in tema di migrazioni, con particolare attenzione a forme, pratiche e territori del fenomeno migratorio. Interessanti approfondimenti nei campi della mobilità e delle dinamiche socio territoriali; su provenienza, destinazione, tempi e modalità dell’emigrazione; infine, riguardo l’immigrazione in Italia, l’altro e l’altrove nel contesto italiano. L’umanità, osservava Vidal de la Blache, è un “fenomeno in movimento”: la storia del mondo è storia di mobilità e di migrazioni. Il volume raccoglie gli esiti delle Giornate di studi “Migrazioni e sviluppo locale nell’area mediterranea. Esperienze di ricerca a confronto” e del Seminario “Migrazioni e processi di interazione culturale”, svoltisi entrambi nel 2012 presso la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari. Silvia Aru, Andrea Corsale e Marcello Tanca, curatori  del volume, sono ricercatori presso il Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell’Università di Cagliari.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Roma, il 25 e 26 febbraio, due interessanti eventi in tema di Migrazioni A Roma, il 25 e 26 febbraio, due interessanti eventi in tema di Migrazioni ultima modifica: 2015-02-23T08:38:45+00:00 da Goffredo Palmerini
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento