Cna, Renato Zaccagnino nuovo Presidente provinciale Potenza

Renato Zaccagnino, 46 anni, aviglianese, titolare con i fratelli della omonima impresa che opera dal 1958 nel settore delle strutture metalliche e in legno lamellare, è il nuovo presidente provinciale della CNA, eletto all’unanimità nell’assemblea di domenica scorsa.

“E’ necessario creare le condizioni per garantire l’uscita dalla crisi e il recupero della competitività del sistema Basilicata, rilanciando le micro e piccole imprese di concerto con la regione e anche con il consorzio industriale della provincia di Potenza – ha dichiarato Zaccagnino -. Gli interventi mirati vanno quindi accompagnati da adeguate politiche che migliorino il contesto in cui operano le imprese”.

Questi gli interventi urgenti per il neo Presidente: “Favorire l’accesso al credito per far fronte alla mancanza di liquidità degli artigiani e dei piccoli imprenditori; rispettare i tempi di pagamento e far fronte ai debiti verso le imprese. Occorre inoltre garantire – per ciò che riguarda gli appalti pubblici – una normativa “a misura di CNA” (prevedendo, ad esempio, “quote” riservate alle piccole imprese) per facilitarne la partecipazione e promuovere strumenti a sostegno della domanda, prevedere un intervento generale di semplificazione, per alleggerire l’attuale approccio settoriale che determina provvedimenti spesso non coordinati tra loro. Prevedere una tassazione agevolata ad artigiani e piccole imprese”. “Insomma – ha continuato Zaccagnino, con l’hobby del volontariato e dell’associazionismo volto al recupero e all’integrazione dei giovani – siamo pronti e allineati ai nastri di partenza dello sviluppo di un nuovo sistema produttivo, certi di saper creare un ambiente favorevole per lo start up di imprese”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Cna, Renato Zaccagnino nuovo Presidente provinciale Potenza Cna, Renato Zaccagnino nuovo Presidente provinciale Potenza ultima modifica: 2015-02-19T02:09:01+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento