Tromba d’aria di settembre, un milione e 128 mila euro per gli abitanti di Cerreto Guidi

La parte più grossa, 1 milione e 128 mila euro, è stata liquidata in queste ore: gli altri 752 mila euro arriveranno nelle casse comunali entro la fine di marzo. Sono i soldi che la Regione aveva già stanziato per chi a Stabbia e Cerreto Guidi, in provincia di Firenze, lo scorso settembre si era visto scoperchiare dal vento la casa o portare via finestre, infissi e pannelli solari: non un risarcimento, che compete allo Stato, quanto semmai un ristoro e sollievo aggiuntivo per cittadini e famiglie con redditi e patrimoni non elevatissimi, misurati dal solito e oramai noto Isee e con un tetto fino a 36 mila euro.

“Anticipiamo come promesso il sessanta per cento della somma riconosciuta – sottolinea l’assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli -: entro marzo arriverà il resto.  Abbiamo stanziato a settembre tre milioni e mezzo di euro per tutta la Regione, di cui un po’ più della metà destinati agli abitanti di Cerreto.  Stiamo aspettando il via dal Governo per liquidare al Comune anche un altro milione e 453mila euro per il rimborso di interventi di somma urgenza eseguiti dall’amministrazione comunale e per il soccorso e la sistemazione di chi ha subito danni”.

I soldi alle famiglie sono un contributo straordinario di solidarietà previsto da una legge regionale, un aiuto e un segno di vicinanza. Ne potrà beneficiare chi ha subito danni e possiede un Isee non superiore a 36 mila euro: entro la fine di marzo sarà completato il controllo delle dichiarazioni su redditi e patrimoni ed anche i 752 mila euro saranno liquidati. Per ciascuna famiglia è previsto un assegno fino a cinquemila euro. Chi ha subito i danni più lievi potrà così rientrare da subito di quasi tutte le spese.

9 su 10 da parte di 34 recensori Tromba d’aria di settembre, un milione e 128 mila euro per gli abitanti di Cerreto Guidi Tromba d’aria di settembre, un milione e 128 mila euro per gli abitanti di Cerreto Guidi ultima modifica: 2015-02-17T19:53:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento