Matera, certificati e visure camerali in lingua inglese

L’internazionalizzazione parla sempre più in lingua inglese e la vetrina milanese di Expo 2015 ne è una conferma. Quanti sono alla ricerca di partner sui mercati per far conoscere le proprie produzioni può chiedere, anche alla Camera di commercio di Matera, il rilascio di certificati e visure in lingua inglese rilasciati dal Registro Imprese, l’anagrafe degli Enti camerali italiani. Allo scopo può essere consultato anche il portale registroimprese.it, realizzato da Infocamere che, a tre mesi dal lancio del servizio, ha ricevuto richieste da parte di 46 tra imprese e utenti professionali esteri. In cima alla graduatoria è il Regno Unito (27 per cento), Germania (17 per cento) e Stati Unit (10 per cento). La possibilità di richiedere certificati e visure in lingua inglese fa parte del decreto “Destinazione Italia’’, finalizzato a introdurre misure in grado di facilitare investimenti in Italia da parte di imprese straniere e agevolare la diffusione di informazioni sulle imprese locali nell’ambito delle economie di altri Paesi. “Per le aziende e le attività produttive del nostro territorio –ha detto il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli- è un vantaggio disporre di documentazione ufficiale in lingua inglese senza ricorrere a una traduzione giurata. A questo aggiungiamo gli aspetti legati all’efficienza e alla riduzione dei costi nelle attività di internazionalizzazione. Il Registro imprese si conferma come uno strumento di servizio per favorire lo sviluppo dei mercati e di trasparenza economica nella correttezza degli scambi. Gli imprenditori stranieri che vogliano investire in provincia di Matera o cercare partnership sono ulteriormente facilitati a raggiungere questi obiettivi’’.

9 su 10 da parte di 34 recensori Matera, certificati e visure camerali in lingua inglese Matera, certificati e visure camerali in lingua inglese ultima modifica: 2015-02-05T01:33:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento