Presentata Bari per Bene, si parte dal quartiere Madonnella

Prenderà il via il prossimo 14 febbraio, giorno di San Valentino, Bari per bene, un atto d’amore per la città che l’amministrazione propone ai cittadini di condividere in un percorso sperimentale che parte dal quartiere Madonnella.
Rendere la città più bella da vivere, garantendo pulizia e decoro, è l’obiettivo del progetto che vedrà impegnati insieme l’amministrazione comunale, le sue ripartizioni, le aziende partecipate la Polizia Municipale e i cittadini. Infatti senza la collaborazione dei cittadini e senza il loro impegno ad adottare comportamenti rispettosi delle regole e della civile convivenza, gli sforzi dell’amministrazione per fare meglio e di più sarebbero comunque vani.
Bari per bene parte dal quartiere Madonnella perché è uno dei quartieri più frequentati per la concentrazione di luoghi di interesse e di attrazione e perché, essendo circoscritto territorialmente, consente di testare l’efficacia della sperimentazione. A seguire il progetto attraverserà tutti i quartieri della città secondo lo stesso modello di intervento integrato grazie alle segnalazioni e ai contributi dei cittadini.

Cronoprogramma delle attività
31 gennaio → Conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa e dei contenuti del progetto.
Dal 1 febbraio al 14 febbraio → Comunicazione ascolto e sensibilizzazione dei cittadini sul territorio con: passeggiate di quartiere del sindaco e degli assessori per la distribuzione di materiale informativi; incontri con operatori commerciali, associazioni, cittadinanza attiva, scuole e parrocchie del quartiere; condivisione spot video per sensibilizzare i cittadini all’adozione buone pratiche di comportamento; redazione del programma di dettaglio della sperimentazione con la collaborazione dei cittadini.
14 febbraio → Evento di apertura progetto Bari per bene – Quartiere Madonnella e avvio della sperimentazione.
1° mese (14 febbraio – 16 marzo) → Attività di monitoraggio e sensibilizzazione sul territorio attraverso la collaborazione attiva con i cittadini e giunta territoriale dedicata al quartiere.
2° mese (16 marzo – 15 aprile) → Raccolta e gestione feedback attraverso l’analisi dei dati recepiti dalle attività di monitoraggio e aggiornamento del programma della sperimentazione in corso.
15 aprile → Conferenza stampa di chiusura del progetto e presentazione del secondo quartiere interessato dagli interventi di Bari per bene.
Il progetto si articola in tre fasi:
FASE 1: Analisi dei fabbisogni e identificazione delle criticità
Le informazioni saranno acquisite attraverso la raccolta e l’analisi delle segnalazioni sul quartiere ottenute tramite il confronto con gli uffici comunali nonché attraverso l’URP e la applicazione BaRisolve; la ricognizione delle criticità sul territorio da parte degli uffici comunali e del personale delle aziende municipalizzate; l’ascolto di quanti vivono e lavorano a Madonnella.
L’attività di analisi delle informazioni raccolte, partita nel mese di gennaio, ha portato alla mappatura dell’intero territorio, all’identificazione di 40 aree che presentano situazioni a rischio di degrado e per le quali sono necessari interventi urgenti, indicazioni per il miglioramento dei servizi erogati e la progettazione dell’intervento cui nelle prossime settimane (1-14 febbraio) seguirà un programma di dettaglio realizzato grazie al confronto con la cittadinanza.
FASE 2: Elaborazione del programma di lavoro
Il programma di dettaglio degli interventi in corso di definizione sarà completato entro il 14 febbraio grazie alla collaborazione attiva dei cittadini del quartiere che con il loro suggerimenti definiranno altri interventi da calendarizzare.
Gli interventi si dividono in due tipologie:
1) interventi straordinari: sono state identificate oltre 50 azioni mirate da realizzarsi nei 60 giorni di sperimentazione. Oltre all’installazione di posaceneri, cestini e contenitori per le deiezioni canine sono anche previsti interventi urgenti per la pulizia e il decoro urbano, quali ad esempio la pulizia dei muri o la rimozione di cassonetti bruciati, il rifacimento di segnaletica, rimozione dei rifiuti abbandonati. Sono previste inoltre iniziative di sensibilizzazione e di socializzazione per riscoprire l’uso degli spazi pubblici della città.
2) riprogrammazione dei servizi con una nuova progettazione più efficace e rispondente alle esigenze del quartiere: spazzamento, lavaggio, disinfestazione strade, raccolta rifiuti utenze domestiche e commerciali, pulizia spiagge e giardini nonché piccoli interventi correlati per rendere più vivibile il quartiere Madonnella.
Non si tratta di innovazioni radicali dal punto di vista del servizio erogato, quanto piuttosto di un insieme di piccoli miglioramenti e di un maggiore sforzo di coordinamento tra tutte le risorse coinvolte sia dell’amministrazione che alle aziende partecipate.
FASE 3: Monitoraggio del servizio
Il patto con i cittadini si sostanzierà con un piano di monitoraggio trasparente e condiviso con tutta la cittadinanza. L’amministrazione chiederà ai cittadini di controllare che i servizi esistenti e quelli riprogrammati vengano svolti in maniera efficace e di segnalare problemi e inefficienze attraverso i canali e gli strumenti di comunicazione che l’amministrazione metterà loro a disposizione.
Per segnalare eventuali disservizi e/o mancanze infatti i cittadini potranno chiamare il numero verde dell’URP 800/018291, oppure utilizzare la app BaRisolve, che consente di inoltrare segnalazioni anche sui servizi di raccolta rifiuti e pulizia.
In aggiunta agli strumenti di segnalazione puntuale già esistenti saranno attivate anche le schede di rilevamento dei servizi di pulizia e spazzamento: si tratta di schede di valutazione che permettono di acquisire il grado di soddisfazione generale percepito rispetto ai servizi forniti. Il monitoraggio accompagnerà tutte le fasi del progetto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Presentata Bari per Bene, si parte dal quartiere Madonnella Presentata Bari per Bene, si parte dal quartiere Madonnella ultima modifica: 2015-02-01T02:26:09+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento