L’Isis ha decapitato l’ostaggio giapponese Kenji Goto

Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio del jihadismo. Il 25 gennaio era stato decapitato l’altro detenuto giapponese, Haruna Yukawa. Ad uccidere il reporter  Kenji Goto è di nuovo il boia “John” che, rivolto al governo giapponese, dice. “Voi, insieme ai vostri stupidi alleati non avete capito che siamo assetati del vostro sangue”.

Il video di un minuto e 7 secondi è stato prodotto da al-Furqan Media Foundation, la “casa di produzione” dell’Isis ed è stato diffuso su Twitter. Goto indossa la tuta arancione.

Per la liberazione di Goto, i jihadisti avevano chiesto il rilascio della terrorista irachena Sajida Rishawi in carcere in Giordania. Amman aveva dato la sua disponibilità, chiedendo a sua volta la liberazione del pilota giordano caduto nelle mani dell’Isis, Muaz Kassasbe.

Il nuovo video non contiene alcun riferimento alla sorte del pilota giordano Muaz Kassasbe. Lo riferisce sempre il Site. Su Twitter circolavano notizie non confermate che anche il pilota fosse stato decapitato.

9 su 10 da parte di 34 recensori L’Isis ha decapitato l’ostaggio giapponese Kenji Goto L’Isis ha decapitato l’ostaggio giapponese Kenji Goto ultima modifica: 2015-01-31T21:51:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento