Livorno candida fossi e fortezze a Patrimonio Unesco

E’ iniziato ufficialmente il percorso per il riconoscimento del sistema di fossi e fortezze di Livorno come patrimonio Unesco. Il sindaco di Livorno Filippo Nogarin ha incontrato le rappresentanti livornesi del Club Unesco, la presidente Margherita Mazzelli Minucci e la vicepresidente Rossella Bruni Chelini. Presenti all’incontro a Palazzo Municipale l’assessore alla Cultura Serafino Fasulo e il portavoce del sindaco Andrea Morini.

Le signore Mazzelli Minucci e Bruni Chelini hanno illustrato al primo cittadino le procedure e le modalità che potrebbero portare al riconoscimento, informandolo che la nostra città ha già avuto recentemente un’importante attestazione del valore del nostro patrimonio architettonico dall’Unesco, per la Fortezza Vecchia, nell’ambito di un bando del progetto Fabbrica dei Paesaggi.

“Si tratta di un percorso lungo – dichiara il sindaco Nogarin – si lavorerà intanto per la candidatura e poi vi saranno numerosi step, e bisogna tener di conto della concorrenza di molte altre città del mondo. Ma sono convinto che Livorno, con la sua particolarità e i suoi colori, ce la possa fare” .

“I livornesi sono abituati a sottovalutare quello che possiede, non riusciamo a percepire fino in fondo gli aspetti unici e belli della città, ci vuole un lavoro da parte di tutti per la ricomposizione di una nostra identità – rileva l’assessore Fasulo.

A conclusione della riunione è stato deciso di presentare alla città il progetto a metà febbraio in sala Cerimonie, dopo un passaggio presso il Club Unesco nazionale.

Lascia un commento