Parma, Mauschwitz nella Giornata della Memoria

Il 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, il Centro Giovani Federale del Comune di Parma (via XXIV Maggio 15) ospiterà lo spettacolo “Mauschwitz” della compagnia Teatro L’Amaca, trasposizione del famoso romanzo a fumetti “Maus” di Art Spiegelman, che racconta la tragedia dell’Olocausto, e si inserisce nelle celebrazioni a Parma del 70° anniversario della Resistenza.

“Questo progetto rappresenta un modo intelligente e avvincente – ha introdotto l’assessore alle Politiche giovanili Giovanni Marani – per avvicinare i giovani, attraverso il fumetto, ad un tema delicato e significativo come l’Olocausto e l’importanza di non dimenticare”.

Lo spettacolo, che ha già debuttato a Milano per una platea di studenti delle scuole superiori, verrà messo in scena in due momenti: alle ore 10.30, chiudendo il ciclo di incontri/lezioni tenuti dagli educatori del Centro Giovani e della associazione Comelasfoglia Studios, per la quale era presente in conferenza stampa Simone Terenziani, a cui hanno partecipato gli alunni delle classi terze medie dell’Istituto Newton di Parma, e alle ore 21, in una replica serale gratuita, aperta a tutta la città.

“Mauschwitz – ha spiegato Carlotta Pizzi, del Centro Giovani Federale – rientra in un progetto più ampio che il nostro Centro si propone per il 2015 e che avrà come tema la costruzione della pace, il dialogo e l’intercultura”.

Il percorso proposto agli studenti ha riguardato la ricerca e l’approfondimento sul fumetto come linguaggio artistico capace di affrontare temi importanti, come quello della Shoah, con una forza comunicativa di notevole impatto, soprattutto sui giovani.

“Questo è uno dei vari progetti – ha aggiunto Massimo Parmigiani, dirigente scolastico dell’Istituto Albertelli-Newton – che il nostro Istituto condivide con il Centro Giovani Federale, attraverso un rapporto significativo e integrante per la scuola nel quartiere”.

La regia di “Mauschwitz” è affidata a SarahSilke Tasca, con le musiche di Marco Mastroeni, co-protagonista insieme a Jacopo Veronese.

Lascia un commento