Forza Italia su interventi Statale 106 Jonica

“Ho immediatamente trasmesso al presidente dell’Anas, l’ing. Ciucci ed al capo compartimento di Basilicata, l’ing. Caporaso, il testo di una petizione che un gruppo di operatori e di cittadini dei comuni di Nova Siri, Rotondella e di Rocca Imperiale ha presentato per richiedere che nella fase di completamento dell’opera di ammodernamento della statale ionica / variante Nova Siri, si possano realizzare una serie di interventi previsti dalle stesse prescrizioni a suo tempo poste al progetto definitivo approvato dal CIPE”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (FI). “In particolare vengono richieste: la realizzazione di interventi di messa in sicurezza del quadrivio dello svincolo centrale di Nova Siri nel quale confluiscono il ‘regio tratturo’, ex ss 104, ed il traffico di via Pitagora; l’adeguamento e l’accessibilità degli svincoli di Nova Siri nord e di Nova Siri sud per garantire al traffico il raggiungimento delle strutture turistiche di Nova Siri lido e di Rotondella lido senza interessare lo svincolo di Nova Siri centro; la valorizzazione della vecchia strada ss 106 collegandola agli svincoli Nova Siri nord e sud per smaltire meglio il traffico e per valorizzare le diverse attività commerciali e di servizio li allocati; la realizzazione del ponte di attraversamento del torrente ‘San Nicola’ per garantire la relazione tra le viabilità interne ed il collegamento con un importante comprensorio agricolo e turistico. Nel trasmettere la petizione dei cittadini alle autorità nazionali e regionali dell’Anas ho segnalato che si tratta di opere non solo necessarie per la sicurezza e lo sviluppo del territorio, ma anche che gran parte degli interventi sono tutti già previsti dalle clausole approvate con i progetti esecutivi che vanno assolutamente eseguiti”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Forza Italia su interventi Statale 106 Jonica Forza Italia su interventi Statale 106 Jonica ultima modifica: 2015-01-22T02:39:34+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento