Le Valli del Teatro, al via la stagione teatrale per ragazzi

Mercoledì 21 gennaio a Satriano di Lucania presso il Teatro Anzani cinque secoli d’arte dei burattini napoletani rivivranno per la gioia di grandi e piccini nello spettacolo “L’antica tradizione di Pulcinella” di e con Gaspare Nasuto. Considerato tra i migliori burattinai del mondo Nasuto è tra i pochi a mantenere in vita la tradizione delle guarattelle napoletane, un’antica forma di burattini a guanto nata a Napoli nel 1500.

Un appuntamento riservato alle scolaresche che si annuncia emozionante e magico grazie alla costruzione dei burattini finemente intagliati, alla cura minuziosa dei teatrini, all’uso della pivetta, uno strumento che il burattinaio tiene in gola e usa durante le rappresentazioni per ottenere la voce di Pulcinella e all’arte sopraffina del movimento di cui Gaspare Nasuto è maestro.

“L’Antica tradizione di Pulcinella” avrà il compito di aprire la stagione teatrale per ragazzi de “Le Valli del Teatro”, la rassegna organizzata dall’Associazione Piccoli Teatri, che proporrà ben quattro spettacoli riservati ai più piccoli.

“Un’iniziativa– dice la curatrice Antonella Iallorenzi – che vuole restituire a Satriano una rassegna riservata ai ragazzi con una grande scommessa che è quella di affidare l’educazione teatrale non solo alle scuole ma anche alle famiglie”. Ai due appuntamenti mattutini per le scolaresche – il 26 Febbraio ci sarà “Pinocchio Bambino Cresciuto Burattino” prodotto dallo IAC Centro Arti Integrate – si affiancheranno due spettacoli pomeridiani per bambini accompagnati dai genitori, con “Voglio la luna!”, il 7 febbraio, vincitore del Premio Eolo Awards , e “Piccoli Misteri”, il 22 marzo con la compagnia Teatro Kismet OperA , un’esperienza sensoriale sul palco rivolto ai piccoli dai 0 a 4 anni e ai loro genitori.

9 su 10 da parte di 34 recensori Le Valli del Teatro, al via la stagione teatrale per ragazzi Le Valli del Teatro, al via la stagione teatrale per ragazzi ultima modifica: 2015-01-20T14:32:55+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento