Campagna Pane sospeso a Matera una infornata di solidarietà

Una “infornata” di solidarietà da ripetere e da estendere con continuità per tutto l’anno, come evidenziano i risultati dell’iniziativa sperimentale realizzata a Matera denominata “Campagna di solidarietà: Anche tu buono come il pane’’ nota come “Pane Sospeso’’, sostenuta dalla Camera di commercio con l’apporto dell’associazione panificatori, di Confcommercio e Confesercenti e della Caritas diocesana. A quattro settimane dall’avvio e limitata ai giorni di martedì e venerdì, l’iniziativa ha consentito di acquistare per gli indigenti 160 quintali di pane e 90 di biscotti e di altri prodotti da forno. L’evento, mutuato dal caffè sospeso diffuso a Napoli,ha coinvolto 19 forni e panetterie della Città dei Sassi e ha consentito a tanti materani e turisti di pensare a chi non ce la fa comprando quel pane che la Caritas ha distribuito dove occorreva. Un sorriso, cortesia, disponibilità hanno contributo a raggiungere l’ottimo risultato, grazie anche al messaggio di una invitante locandina, come ricorda la dinamica imprenditrice Angela Martino, coordinatrice dell’attività tra i colleghi panificatori e che ha espresso soddisfazione per il risultato raggiunto. “ Il consenso riscosso dalla campagna –ha detto il presidente della Camera di commercio,Angelo Tortorelli- è il risultato della collaborazione fra cittadini, panificatori, associazioni di categoria e Caritas, a conferma della validità di una intuizione e di una esigenza, finalizzata ad assicurare il pane quotidiano a chi non può permetterselo. E’ una esperienza da consolidare, che abbiamo inserito nel quadro delle attività di fine anno a sostegno dell’economia locale, e da estendere in altri centri del Materano tutto l’anno lungo le vie del Pane, unendo solidarietà e promozione territoriale”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Campagna Pane sospeso a Matera una infornata di solidarietà Campagna Pane sospeso a Matera una infornata di solidarietà ultima modifica: 2015-01-10T16:53:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento