Incendio in casa ricoverato in gravi condizioni Massimo Fabrizi figlio dell’attore romano Aldo

Massimo Fabrizi si trova ricoverato presso il Centro Grandi Ustioni dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma. Musicista, compositore e poeta, Massimo è rimasto vittima di un drammatico infortunio domestico e lotta tra la vita e la morte in seguito alle ustioni riportate.

Il musicista di 82 anni, è stato trasportato in ambulanza al Sant’Eugenio dove i medici hanno riscontrato ustioni di terzo e secondo grado profondo, ricoverandolo in isolamento asettico.

La prognosi è riservata e i familiari confidano nella fibra dell’ottuagenario insegnante di pianoforte. Al momento il paziente è lucido e può comunicare con i familiari dal letto solo attraverso un telefono. Massimo Fabbrizi, che vive all’Infernetto, è uno dei due figli del grande attore romano ed ha raccontato la storia di famiglia in una biografia, “Aldo Fabrizi, mio padre”, rivelando innumerevoli curiosità legate all’artista.

Tra le sue proprietà l’attore e regista vantava anche appezzamenti di terreno all’Infernetto. Dove si è trasferito a vivere il figlio Massimo. E come Aldo, anche il figlio si è appassionato alla cucina romanesca, tentando per un periodo della sua vita la strada della ristorazione. Ha allestito un ristorante tipico in un vecchio fienile confinante con l’abitazione in via Torcegno, che dopo qualche anno ha ceduto in gestione.

Il 1 e il 3 settembre scorsi, a distanza di meno di 48 ore, due incendi hanno distrutto il ristorante della proprietà di famiglia, in via Torcegno. Le indagini non hanno chiarito l’eventuale dolo degli episodi e non hanno accertato eventuali responsabilità. Quei roghi hanno messo in ginocchio i sogni e le economie della famiglia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Incendio in casa ricoverato in gravi condizioni Massimo Fabrizi figlio dell’attore romano Aldo Incendio in casa ricoverato in gravi condizioni Massimo Fabrizi figlio dell’attore romano Aldo ultima modifica: 2015-01-04T22:45:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento