Controlli di Natale, sequestrate oltre 60 tonnellate di prodotti alimentari

I sequestri sono stati effettuati dai Nas (Nuclei antisofisticazioni e sanità) e dai Nac (Nuclei antifrodi carabinieri) in una serie di controlli su tutto il territorio nazionale in vista del Natale.

I provvedimenti hanno riguardato prodotti dolciari e ittici di ignota provenienza o in cattive condizioni igienico-sanitarie. Sequestrate 56 strutture, oltre 650 persone segnalate all’autorità giudiziaria.

A Salerno i Carabinieri hanno sequestrato 180 quintali di dolci, per un valore di 400 mila euro, tra cui cioccolata e caramelle scadute, alcune fin dal 2007, destinati a riempire le calze dell’Epifania da vendere sui banchi degli ambulanti. Nella stessa struttura c’era frutta secca in decomposizione e invasa da parassiti, che veniva mescolata con la cioccolata per mezzo di una chiave inglese.

Oltre mezza tonnellata di pesce venduto senza etichetta è stato sequestrato nei mercati di Pozzuoli e Salerno. Sempre nel Salernitano, in uno stabilimento di produzione di olio extravergine d’oliva biologico al limone, sequestrate 1.600 bottiglie di olio con un’etichetta che vantava l’uso di “Limone Costa d’Amalfi I.G.P.”, rivelatasi ingannevole. Dolci, vini perche e olive in quantità sequestrati invece nel casertano.

In provincia di Ravenna, la stessa azienda lavorava le “armelline”, interno dei noccioli di albicocche e pesche, smaltendo rifiuti alimentari. Sequestrati 400 quintali di prodotto, mentre a Milano, sono finiti nelle mani dei Nas e dei Nac 280 quintali di mandarini, cipolle e carote invasi da muffe e parassiti e 250 quintali di mele non tracciate.

Attenzione particolare sulla “Chinatown” di Milano, dove quattro cinesi sono stati denunciati per aver venduto alimenti in cattivo stato di conservazione. Sequestrati 2.400 kg di carne e pesce invasi da parassiti.

Lascia un commento