Napoli, camorra sequestrati 142 distributori di carburante

Nicola CosentinoDiverse le società e almeno 142 i distributori sequestrati su richiesta della Dda di Napoli. Il provvedimento è stato adottato nell’ambito di un procedimento per reati aggravati dal metodo mafioso che ad aprile portò all’arresto dell’ex deputato Nicola Cosentino.

Il provvedimento è stato adottato dal Gip di Napoli in un’inchiesta nella quale si ipotizza il reato di concorrenza illecita e si indaga su episodi di estorsione e concussione finalizzati a favorire l’attività degli impianti di distribuzione di carburante gestiti dalla famiglia Cosentino, con l’aggravante del metodo mafioso attraverso l’amicizia con il clan di camorra dei Casalesi.

Lo scorso 3 aprile, oltre che nei confronti di Nicola Cosentino, ex sottosegretario all’Economia ed ex coordinatore del PdL in Campania, furono eseguite misure restrittive nei riguardi di altre 12 persone.

Lascia un commento