Roma, sospesa la squalifica di due giornate per Rudi Garcia

Sospesa l’esecutività della squalifica di due giornate per Rudi Garcia, tecnico della Roma. Lo ha stabilito la Corte Sportiva d’Appello della Figc che ha trasmesso gli atti alla Procura federale per ulteriori accertamenti. Accolto il ricorso contro la squalifica per un turno del giocatore giallorosso Holebas.

La Corte Sportiva d’Appello, presieduta dal giudice Mastrandrea, ha discusso il ricorso presentato contro la squalifica di due giornate inflitta a Garcia “per condotta aggressiva e intimidatoria nei confronti di uno steward” nel post gara con il Genoa.

La linea difensiva scelta dalla Roma per “scagionare” il tecnico francese, accompagnato dal dg Mauro Baldissoni e dall’avvocato Conte, puntava a dimostrare come la testimonianza dello steward, soggetto non tesserato, non sia sufficiente per una squalifica disciplinare. Baldissoni ha spiegato che “abbiamo rappresentato i fatti, ma c’è anche un elemento nuovo visto che questa mattina abbiamo ricevuto attraverso il Genoa una nuova dichiarazione da parte dello steward che aveva denunciato l’episodio in cui effettivamente fa una sostanziale rettifica di quello che aveva interpretato come possibile tentativo di schiaffo e che invece era un tentativo di strattonare il tunnel per aprire un camminamento a protezione dei giocatori su cui stavano piovendo bottiglie, monete e quant’altro. Questa dichiarazione è stata presentata alla Corte e ovviamente allegata agli atti. Una retromarcia da parte dello steward del Genoa? Non parliamo di retromarcia perchè capisco che nella concitazione del momento lo steward possa aver male interpretato, c’era tensione, evidentemente si è reso conto che non era una aggressione. Si tratta di una precisazione”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, sospesa la squalifica di due giornate per Rudi Garcia Roma, sospesa la squalifica di due giornate per Rudi Garcia ultima modifica: 2014-12-19T19:10:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento