Firmati in Prefettura gli atti per cantieri M5 e Zara-Expo

Presso la Prefettura di Milano, alla presenza del Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca, l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran e l’assessore ai Lavori Pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza hanno siglato due “Atti aggiuntivi in materia Anticorruzione” ad altrettanti Protocolli di legalità già sottoscritti e relativi ad opere essenziali Expo.

Nello specifico, Maran ha rappresentato il Comune di Milano nella firma congiunta dell’atto con le società concessionarie, METRO 5 SpA e METRO 5 Lilla Srl per la realizzazione della Linea M5. L’atto, che integra il Protocollo di Legalità sottoscritto il 31 luglio 2012, riguarda i lavori per il prolungamento della linea da Garibaldi a San Siro. L’assessore Rozza ha invece firmato l’atto integrativo al Protocollo firmato il 2 dicembre 2013 relativo alla realizzazione del collegamento della Strada Statale 11 e Strada Statale 233 – Strada di collegamento Zara-Expo.

“Il Comune di Milano con la Prefettura, Expo e Mm ha sviluppato negli ultimi due anni una politica di prevenzione riguardo all’anticorruzione che ha anticipato il decreto Cantone. Con i protocolli sottoscritti oggi recepiamo alcuni elementi, presenti del decreto, che rafforzano le misure di controllo e prevenzione su due progetti importanti come la M5 e la Zara Expo: ricordo che grazie a questi protocolli abbiamo individuato e estromesso 66 imprese”, dichiarano gli assessori Maran e Rozza.

Gli atti aggiuntivi in materia di anticorruzione sono finalizzati a garantire una corretta e trasparente esecuzione delle opere e contengono ulteriori misure intese a garantire che le procedure di appalto vengano affidate ed eseguite al riparo da tentativi di condizionamento criminale, anche mediante forme di monitoraggio durante l’esecuzione dei lavori.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firmati in Prefettura gli atti per cantieri M5 e Zara-Expo Firmati in Prefettura gli atti per cantieri M5 e Zara-Expo ultima modifica: 2014-12-17T20:26:37+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento