Assemblea nazionale dei Popolari per l’Italia

I Popolari per l’Italia comunicano che si è tenuta sabato scorso a Roma l’assemblea nazionale del partito. Il primo passo verso una aggregazione di forza politiche, movimenti, associazioni unite dai valori del Popolarismo Sturziano e dal percorso del Partito Popolare Europeo. Confermato il radicamento sul territorio di un movimento giovane ma ambizioso che intende partire dalle realtà locali e dalle prossime elezioni Amministrative e Regionali per selezionare una classe dirigente autenticamente legata al territorio ed alle sue istanze.

La relazione introduttiva del Presidente dei Popolari per l’Italia, Sen. Mario Mauro, particolarmente articolata e volta a rimarcare le criticità del sistema Italia non risolte dal Governo Renzi, è stata seguita dall’intervento del Consigliere Regionale di Basilicata Aurelio Pace, il quale ha rimarcato il nodo da sciogliere in tempi rapidi della presenza dei Popolari per l’Italia all’interno del Governo Nazionale. Nell’assemblea è stata altresì lanciata la candidatura a Sindaco di Roma Capitale del Generale Domenico Rossi Sottosegretario alla difesa, dirigente nazionale dei Popolari per l’Italia. Molti gli interventi dei rappresentanti di tutte le Regioni d’Italia e dei movimenti popolari sul territorio nazionale. Particolarmente intenso l’intervento dell’On. Gargani che, forte della sua esperienza politica nazionale ed europea, ha evidenziato il grande spazio politico “tra i due Matteo”. Lo spazio politico dei moderati è oggi enorme, ma quell’elettorato maturo spesso alimenta diffidenze ed astensionismo. Va pertanto recuperato un rapporto di fiducia tra partiti ed elettori, tra rappresentanti e rappresentati: questa la precondizione del successo dell’ambiziosa operazione politica che stiamo costruendo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Assemblea nazionale dei Popolari per l’Italia Assemblea nazionale dei Popolari per l’Italia ultima modifica: 2014-12-16T02:04:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento