Gioia Tauro, Michele Brandimarte ucciso in un agguato a Vittoria

Il reggino di 53 anni stava passeggiando con degli amici, diretto verso la via principale della città, addobbata per le feste natalizie. Due sicari a bordo di una moto lo hanno raggiunto e gli hanno sparato sei o sette colpi di pistola calibro 7,65. Michele Brandimarte, 53 anni, originario della provincia di Reggio Calabria, è già noto alle forze dell’ordine. Da tempo però viveva a Gioia Tauro, dove avrebbe avuto contatti con esponenti della criminalità organizzata locale. Michele Brandimarte, 53 anni, era di Oppido Mamertino. I sicari lo hanno colpito mentre si trovava in una zona centrale del paese del Ragusano, all’incrocio tra la vie Roma e Cavour.

Non si esclude che l’omicidio sia da inquadrare nell’ambito di contenziosi economici tra gruppi calabresi e siciliani. Sull’omicidio ha aperto un’inchiesta la Procura di Ragusa.

La gente che ha sentito gli spari ha chiamato i soccorsi. Il personale dell’ambulanza ha tentato di rianimare l’uomo che però dopo qualche minuto è spirato.

Lascia un commento