Bologna, Comune e Fondazione Rusconi premiano le migliori imprese bolognesi dei settori creativo e green

Un premio di 175.000 euro dedicato alle imprese di Bologna che abbiano ottenuto performance eccellenti in termini di fatturato, numero di persone assunte, export e investimenti in ricerca e sviluppo. Lo attribuirà la Fondazione “N.H. Dottor Pietro Giacomo Rusconi”, a due nuove industrie o nuovi commerci, localizzate a Bologna e con impianti importanti per numero di addetti e per entità.

La selezione avverrà tramite Avviso pubblico del Comune di Bologna. Le imprese interessate devono inviare la propria domanda di partecipazione, tramite pec o posta, al Dipartimento Economia e Promozione della Città, entro il 2 febbraio 2015.

Due i settori strategici individuati dal Comune per il premio: l’area delle creative industries (moda, design, architettura, artigianato artistico, gastronomia, scenografia, grafica) e l’area delle tecnologie ambientali e in generale della cosiddetta green economy che ha per oggetto le attività imprenditoriali che operano nelle politiche della sostenibilità e della tutela dell’ambiente. Due commissioni, una per area, individuate e presiedute dal capo del Dipartimento selezioneranno le imprese candidate.

La Fondazione “N.H. Dottor Pietro Giacomo Rusconi”, istituita a seguito di disposizione testamentaria della contessa Luisa Verzaglia vedova Rusconi, eretta in Ente Morale con R.D. 20 novembre 1927 n. 2288, si prefigge come fine l’istituzione di “premi periodici a vantaggio di restauri artistici, opere edilizie nuove, grandi concerti di musica classica, nuove industrie o nuovi commerci, premi da corrispondersi con le rendite dei beni testati”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, Comune e Fondazione Rusconi premiano le migliori imprese bolognesi dei settori creativo e green Bologna, Comune e Fondazione Rusconi premiano le migliori imprese bolognesi dei settori creativo e green ultima modifica: 2014-12-13T09:37:35+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento