Potenza, il pedagogista Goussot ricevuto dal sindaco De Luca

E’ stato il Sindaco di Potenza Dario De Luca ad accogliere nella Sala dell’Arco del Palazzo di Città, Alain Goussot pedagogista di fama internazionale. Occasione il ‘Tavolo di partecipazione’ organizzato dall’associazione di solidarietà sociale Potentialmente onlus, nell’ambito dell’iniziativa culturale ‘Chi educa la società?’. Presenti, tra gli altri, i promotori, molti consiglieri comunali, gli assessori comunali all’Istruzione e ai Servizi sociali, rispettivamente Margherita De Francesco e Nicola Stigliani, il garante regionale dell’Infanzia e dell’adolescenza Vincenzo Giuliano e il consigliere regionale Aurelio Pace. “Come costruire una città e una comunità educante inclusiva?” si è chiesto esordendo Goussot. “Importante che in Italia – ha proseguito – l’integrazione dei bimbi con disabilità sia prevista nelle scuole, in molte realtà europee ancora non è così. Quella che comunemente si individua come debolezza deve essere vista come risorsa. La politica, nella sua accezione più alta, deve avere una dimensione pedagogica, educativa, etica, con una morale che riesca a incidere sulle coscienze. Non c’è libertà autentica se non c’è riconoscimento delle differenze nella uguaglianza delle libertà. Nei soggetti che si assomigliano nella diversità, l’essere in relazione è l’equilibrio tra similitudini e differenze. L’accessibilità va intesa come capacità di accedere a tutti gli ambiti, abbattendo ogni tipo di barriera, non solo architettonica. No all’assistenzialismo, – ancora il docente di ‘Pedagogia speciale’ presso l’Università di Bologna – bisogna invece consentire alla persona disabile di sviluppare appieno le proprie capacità. I tempi esistenziali fanno anche la qualità della vita”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Potenza, il pedagogista Goussot ricevuto dal sindaco De Luca Potenza, il pedagogista Goussot ricevuto dal sindaco De Luca ultima modifica: 2014-11-30T04:06:26+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento