Agrigento, a fine mese il convegno di studi pirandelliani

Fioccano le adesioni e i patrocini per il 51esimo Convegno di Studi Pirandelliani, che si svolgera’ ad Agrigento, al teatro Pirandello, dal 30 novembre al 3 dicembre prossimi. Ha ufficializzato il sostegno all’evento culturale, dedicato al drammaturgo Agrigento e premio Nobel per la Letteratura, anche l’ANG, l’Agenzia Nazionale per i Giovani. Si tratta di un organismo pubblico, dotato di autonomia organizzativa e finanziaria, vigilato dal Governo Italiano e dalla Commissione Europea. L’ANG e’ stata creata dal Parlamento Italiano in attuazione della Decisione 1719/2006/CE (versione inglese) del Parlamento Europeo e del Consiglio che ha istituito il programma comunitario Gioventù in Azione per il periodo 2007-2013. Stefano Milioto, Presidente del Centro Nazionale Studi Pirandelliani e organizzatore del convegno dedicato a Luigi Pirandello e al compianto professor Enzo Lauretta, afferma: “Siamo enormemente felici e soddisfatti dell’adesione dell’ANG al nostro Convegno di Studi Pirandelliani perche e’ un organismo che si prefigge, tra gli obiettivi, quello di promuove la cittadinanza attiva dei giovani, e in particolare la loro cittadinanza europea; sviluppa la solidarietà e promuove la tolleranza fra i giovani per rafforzare la coesione sociale e favorisce la conoscenza, la comprensione e l’integrazione culturale tra i giovani di Paesi diversi”. Il 51esimo Convegno di Studi Pirandelliani e’ patrocinato anche dall’Unione Europea, dall’Assessorato regionale ai Beni Culturali, dal Comune di Agrigento e dall’Associazione Europea per la Ricerca. Nel frattempo gli organizzatori hanno ufficializzato il programma della 51esima edizione, che troverete come allegati, al comunicato stampa.

9 su 10 da parte di 34 recensori Agrigento, a fine mese il convegno di studi pirandelliani Agrigento, a fine mese il convegno di studi pirandelliani ultima modifica: 2014-11-22T02:13:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento