Federconsumatori Potenza su sanzione Autority elettrica all’Eni

L’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, ha sanzionato Eni per violazioni in materia di fatturazione relativa alla periodicità di invio delle bollette e al ricevimento dei conguagli, definitivi nel caso di cambio di fornitore ed altri disservizi sempre rappresentati dalle associazioni. Lo rende noto la Federconsumatori di Potenza. “Per questo motivo – spiega l’associazione a tutela dei consumatiori – l’Eni dovrà indennizzare i clienti che hanno subito disservizi sia nell’ambito della ‘tutela’ gas che del mercato libero. In relazione alle contestazioni dell’Autority, Eni ha assunto l’impegno di sospendere ogni azione contraria al procedimento e, stabiliti i debiti reali, di rateizzare senza interessi le somme fatturate in maniera proporzionale rispetto alle situazioni economiche di singoli cittadini, dato il difficile contesto di crisi. Tutto risolto? Per niente: il lupo perde il pelo ma non il vizio. Da circa un anno la Federconsumatori di Potenza ha aperto un contenzioso con la nota società energetica relativo a presunti consumi per forniture di energia elettrica e gas addebitati ad un associato. Rispetto alle osservazioni formulate dalla Federconsumatori, la società non ha fornito elementi certi circa l’ effettivo consumo di energia elettrica e gas, definendo un piano di rateizzazione in virtù di un presunto debito di 9.000 euro, con rate mensili di 700 euro. Può apparire una battuta infelice, ma abbiamo invitato il nostro malcapitato associato di valutare l’opportunità di murare la cucina, perché con rate di 700 euro mensili non avrebbe di cosa sopravvivere. Ovviamente continueremo a tutelare il cittadino in ogni sede”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Federconsumatori Potenza su sanzione Autority elettrica all’Eni Federconsumatori Potenza su sanzione Autority elettrica all’Eni ultima modifica: 2014-11-04T09:23:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento