Corpi in pubblicità quali regole?

donne pubblicitaUna nuova tappa nel percorso del Comune di Milano per promuovere una cultura dell’immagine e delle relazioni rispettosa dei diritti di donne e uomini, senza tuttavia alcuna intenzione censoria: in Sala Alessi, a Palazzo Marino, si è svolto il convegno ‘Corpi in pubblicità: quali regole?’ dedicato alle possibili azioni da adottare dalle Amministrazioni locali e dai Governi europei per contrastare la pubblicità sessista in misura più radicale e diffusa sul territorio.

All’incontro, organizzato dal Comune in collaborazione con l’ufficio milanese del Parlamento europeo, hanno partecipato donne europarlamentari, deputate e amministratrici locali.

“Il ruolo delle Amministrazioni locali è importante perché è il più vicino ai cittadini, ma è ormai ineludibile che sia il nostro Paese a introdurre norme, risorse e strumenti efficaci a livello nazionale – ha dichiarato Francesca Zajczyk, delegata del Sindaco alle Pari opportunità –.  L’incontro ha rappresentato un nuovo, importante tassello nel dialogo e nel confronto tra diversi soggetti istituzionali – europarlamentari, deputate, rappresentanti comunali e IAP – e realtà espressione dei territorio  – associazioni, sindacati – con l’obiettivo di trovare un percorso e un contenuto condiviso verso una corretta regolamentazione delle immagini nella pubblicità”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Corpi in pubblicità quali regole? Corpi in pubblicità quali regole? ultima modifica: 2014-10-25T11:26:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento