Un anno di grandi riforme negli appalti pubblici

Le riforme e le novità in tema di appalti pubblici saranno sotto i riflettori di Confcooperative Fvg e dei massimi esperti italiani sull’argomento. L’occasione è quella del seminario organizzato a Passariano di Codroipo (Villa Manin) dal titolo: “2014: un anno di grandi riforme negli appalti pubblici”, con inizio alle ore 9.30, di venerdì 17 ottobre.

«Sul tema degli appalti va mantenuta la massima attenzione – spiega il presidente di Confcooperative Fvg, Franco Bosio – perché la necessità di contenere la spesa nel settore pubblico, conseguenza dei tagli di bilancio, rischia di tradursi in una grave penalizzazione per l’occupazione e la qualità dei servizi offerti, se non si privilegia il criterio della qualità rispetto al mero prezzo nell’aggiudicazione degli appalti. I frequenti stravolgimenti normativi in tema di appalti pubblici e, soprattutto, di appalti di servizi, impongono riflessioni sugli esiti ultimi dell’applicazione delle regole di legge, in particolare quelli che incidono sulla vita di imprese e cittadini – aggiunge Bosio –. Imprese che sono gravate pure da tempi di pagamento sempre più lunghi da parte delle Pubbliche amministrazioni, difficoltà di accesso al credito e oneri burocratici in aumento».

Al seminario porteranno il loro contributi tre esperti di assoluto rilievo: Marco Lipari (Consigliere del Consiglio di Stato) interverrà su: “Le nuove Direttive europee e il loro recepimento nell’ordinamento nazionale”; Oberdan Forlenza (segretario generale del Consiglio di Stato) relazionerà su: “Temi giurisprudenziali “caldi” in materia di contratti pubblici” e Massimiliano Brugnoletti (dello Studio legale Brugnoletti & Associati, Roma – Milano) farà una rassegna completa della normativa italiana 2014.

9 su 10 da parte di 34 recensori Un anno di grandi riforme negli appalti pubblici Un anno di grandi riforme negli appalti pubblici ultima modifica: 2014-10-15T10:12:46+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento