Pisa, Cantare la propria voglia di libertà torna Musica dentro

“Musica Dentro” è il corso di educazione musicale promosso dall’associazione “Il Mosaico”, presieduta da Riccardo Buscemi, rivolto ai detenuti della Casa Circondariale di Pisa, di entrambe le sezioni maschile e femminile, che mira alla costruzione di un coro a voci miste in grado di svolgere piccola attività concertistica dentro, ed eventualmente fuori, dal carcere. Il corso si articola in almeno 120 ore di lezione, circa 60 incontri da 2 ore ciascuno, 2 a settimana.

Pur puntando alla “qualità” dell’attività musicale prodotta, questa diventa il mezzo per favorire il principio di “rieducazione” della pena, fornire un’occasione di una sana socializzazione, sviluppare le capacità di relazione e di autocontrollo, agevolare, per quanto possibile, il reinserimento nella società civile al termine del periodo della pena. Accanto all’attività didattica riservata ad elementi selezionati dalla Direzione del Carcere, non mancherà l’ormai tradizionale concerto pasquale, giunto alla quarta edizione, eseguito da musicisti professionisti e aperto a tutti i detenuti che desiderano partecipare.

«Sono molto soddisfatto perché il progetto si realizza con continuità all’interno del carcere e i detenuti trovano giovamento dalla loro fruizione» ha commentato il Direttore della Casa Circondariale di Pisa, Dott.Fabio Prestopino, che sin da subito ha compreso le potenzialità dell’iniziativa. Il Progetto è reso possibile dalla Fondazione Pisa, che concede un contributo determinante alla sua realizzazione e non a caso Donato Trenta, Segretario Generale della Fondazione Pisa, lo ha definito «Un progetto esemplare». Lo sostengono anche numerosi soggetti istituzionali e privati, tra cui il Consiglio Regionale della Toscana e la Società della Salute Pisana.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, Cantare la propria voglia di libertà torna Musica dentro Pisa, Cantare la propria voglia di libertà torna Musica dentro ultima modifica: 2014-10-12T02:51:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento