Milano, con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli per capire le dinamiche del lavoro in vista di Expo

Spazio LavoroIl lavoro sta cambiando, occorre ripartire da regole nuove che diano non solo speranze ma anche opportunità a chi lavora e a chi è senza lavoro. Fino a che punto l’Italia ha adeguato le strutture sociali, le forme di tutela e rappresentanza? Su quali strategie puntare in ottica paese? A queste e altre domande risponderà “Spazio Lavoro”, il progetto di ricerca ideato da  Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e Comune di Milano, volto a comprende le dinamiche del lavoro e le condizioni per produrre sviluppo economico e coesione sociale. A presentarne i contenuti, questa mattina a Palazzo Marino, l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca Cristina Tajani con Carlo Feltrinelli, Presidente di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

“La collaborazione con la Fondazione Feltrinelli vedrà a fine 2015 la presentazione dei risultati di quattro percorsi di ricerca che permetteranno all’Amministrazione di valutare l’andamento del mercato del lavoro durante Expo e di adottare politiche innovative anche a livello locale perché basate su elementi che trovano riscontri oggettivi nella realtà” così l’assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca Cristina Tajani che prosegue: “Innovativo anche il metodo di finanziamento dei percorsi di ricerca che per la prima volta avverrà attraverso una piattaforma di crowdfunding, grazie al quale raccogliere il libero finanziamento da parte di tutti coloro che credono in questo progetto e più in generale nel valore della ricerca sociale, dai privati cittadini alle aziende”.

“L’idea è che questo progetto di ricerca disegni uno spazio di approfondimento e di proposta in cui ciascuno possa essere fruitore e insieme produttore di contenuti” sostiene il Presidente di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli Carlo Feltrinelli che prosegue: “Noi abbiamo stabilito un punto di partenza, coinvolgendo il nostro Comitato scientifico e professori di quattro diverse università, un ente di ricerca internazionale come l’IZA di Bonn, e il Comune di Milano: convinti che facendo sinergia, e lo strumento del crowdfunding ne è un esempio concreto, si possano mettere in circolo energie positive, di pensiero ma anche di azione, in un momento nel quale ce n’è assai bisogno”.

Domani 25 settembre alle ore 17:30 presso la Palazzina Liberty di Largo Marinai d’Italia prendono avvio le attività di Spazio Lavoro. La giornata dal titolo “Il lavoro cambia, cambia il lavoro” è introdotta dal Prof. Salvatore Veca con la moderazione del giornalista Jacopo Tondelli. Previsti anche gli interventi dei quattro coordinatori scientifici del progetto alternati dai racconti delle nuove forme di lavoro che avranno come protagonisti Zoe Romano di WeMake, Massimo Carraro di Cowo, Giulia Barbieri di Social farming e Serena Porcari di Fondazione Dynamo.

Spazio Lavoro guarda al mondo della ricerca internazionale per ispirarsi e per ascoltare i diversi approcci al tema del lavoro. Per l’occasione la Fondazione ha stretto una collaborazione con l’Institute for the Study of Labor di Bonn (IZA) e ospita nella serata del 25 settembre il suo direttore di strategia e gestione della ricerca, Alessio Brown, che illustrerà i pilastri della riforma del lavoro tedesca e il rapporto tra ricerca e politiche del lavoro. A chiudere la serata un ospite d’eccezione: il sociologo francese, fondatore della Fondation Maison des Sciences de l’Homme di Parigi, Maurice Aymard interverrà sugli impatti delle nuove forme di lavoro nella società globalizzata.

Quattro i percorsi di ricerca sviluppati da Spazio Lavoro. Capitale Umano, curato dal prof. Mauro Magatti in collaborazione con l’Università Cattolica, è una ricognizione delle nuove tipologie di lavoro e lavoratori passando dalle figure più innovative all’impatto delle nuove tecnologie sulle occupazioni e sulla produzione. Società, curato da Enzo Mingione con l’Università Milano-Bicocca, indaga le varie forme di rappresentanza del lavoro negli attuali cambiamenti sociali ed economici e dei nuovi luoghi del lavoro. Impresa, curato dal prof. Alessandro Pansa con l’Università LUISS, è un’analisi sull’evoluzione dell’impresa con un’attenzione particolare ai nuovi fenomeni come incubatori, spazi di coworking, universo dei makers e mondo digital. Denaro, curato dal prof.Giuseppe Berta con l’Università Bocconi, esplora il connubio tra finanza e economia, la crisi del capitalismo democratico e le conseguenze della competizione mondiale della manodopera a basso costo.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento