Nasce CasAurora, accoglierà le famiglie dei malati ricoverati nel polo ospedaliero fiorentino

A Firenze da oggi c’è una struttura di accoglienza in più. È stata inaugurata CasAurora, la ‘casa’ destinata a ospitare i parenti dei malati ricoverati nel polo ospedaliero fiorentino, che si allontanano dalla propria città o regione per stare accanto a una persona cara.
Al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, Sara Funaro, assessore al Welfare, Cristiano Balli, presidente del Quartiere 5, Antonio Panti, presidente dell’Ordine dei medici di Firenze, Stefano Paris, presidente dell’Unione italiana delle Chiese cristiane Avventiste e Filippo Alma, direttore dell’Istituto avventista di Cultura biblica.
“E’ una struttura importante che offre un aiuto concreto ai familiari dei ricoverati in ospedale e sono sicura che ci sarà attenzione verso i familiari dei bambini ricoverati al Meyer – ha affermato l’assessore Funaro – Come Amministrazione comunale, siamo al fianco e incentiveremo forme di collaborazione verso chi realizza progetti per il sociale. Siamo contenti di collaborare con tutte le realtà, sia religiose che del terzo settore, che mettono in piedi iniziative di sostegno per chi si trova in condizione di bisogno”.
CasAurora è stata realizzata grazie ai fondi dell’Otto per mille destinati alla Chiesa Avventista con l’obiettivo di aiutare, anche economicamente, le famiglie dei malati offrendo ospitalità a prezzi inferiori rispetto a quelli delle normali strutture alberghiere. CasAurora si trova in viuzzo del Pergolino 8, zona Careggi, ed è gestita dall’Istituto Avventista di Cultura Biblica (IACB) ‘Villa Aurora’, ente ecclesiastico senza fine di lucro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Nasce CasAurora, accoglierà le famiglie dei malati ricoverati nel polo ospedaliero fiorentino Nasce CasAurora, accoglierà le famiglie dei malati ricoverati nel polo ospedaliero fiorentino ultima modifica: 2014-09-17T07:04:00+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento