Sindacati medici su prassi ricoveri in appoggio ospedale San Carlo

La prassi “di ricoverare pazienti in reparti differenti da quelli propri di competenza, i cosiddetti “ricoveri in appoggio”, non è più tollerabile, perché sottopone le attività ad un sovraccarico lavorativo”.

E’ quanto sostengono, in una nota, i sindacati medici congiunti (Anaao, Cgil, Cisl, Uil, Fassid, Anpo, Aaroi), secondo i quali “anche in un momento difficile per la nostra azienda ospedaliera San Carlo di Potenza, come quello che stiamo vivendo per la nota vicenda della Cardiochirurgia, è indispensabile proseguire il confronto con la dirigenza su diverse situazioni da migliorare assolutamente”.

“A ben vedere tale consuetudine – proseguono i rappresentanti sindacali – rispecchia l’atteggiamento irriguardoso che la dirigenza continua a mantenere nei confronti dei professionisti del San Carlo, ai quali chiede di incrementare le attività senza però incidere sulla cronica carenza di personale e di mezzi”.

Anche “sulla problematica che riguarda il rischio clinico, il comportamento della direzione è stato insoddisfacente, limitandosi a promuovere attività formative teoriche, ma senza alcuna verifica sul campo delle situazioni a rischio. La recente vicenda della Cardiochirurgia ha messo a nudo l’esistenza di difficoltà piuttosto diffuse”. I sindacati, infine, fanno sapere che si stanno preparando “alla mobilitazione generale”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin