Parma, Campionati italiani under 16 maschili di tennis

La manifestazione è stata presentata in occasione di una conferenza stampa che si è tenuta nel circolo tennistico ed a cui hanno preso parte Ezio Pellegrini presidente del Castellazzo Tennis Club, Giovanni Marani assessore allo sport del Comune di Parma, Federico Giovanelli direttore del Circolo e Vito Grossi consigliere del Circolo.

Il Torneo Macroarea che viene ospitato dal Circolo Tennistico Castellazzo coinvolge 30 ragazzi provenienti da Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche. Si suddivide in due gironi all’italiana con due singoli e un doppio. La prima squadra vincente di ogni girone del torneo accederà alla finale del Campionato Italiano a Squadre Under 16 che si disputerà in settembre a Pordenone.

Le squadre partecipanti sono otto: Ct Giotto, Junior Tennis Perugia, Ct Montecatini, Cast San Marino, Tc Prato, Moie Sporting Club, Ct Albinea e Castellazzo Tc.

“Nell’ambito della promozione del tennis come pratica sportiva – ha spiegato il presidente del Castellazzo TC, Ezio Pellegrini – abbiamo deciso di organizzare il torneo che rappresenta un momento particolarmente significativo nel panorama italiano. Abbiamo circa 200 giovani di tutte le età impegnati in questo sport nel nostro Circolo. Il torneo vuole costituire uno stimolo anche per loro”.

L’assessore allo sport del Comune di Parma, Giovanni Marani, ha ringraziato il Castellazzo Tc per essersi impegnato in prima persona nell’organizzazione del torneo. “Le varie realtà associative presenti sul territorio che promuovono il tennis – ha detto – concorrono in modo qualificato e responsabile alla formazione dei giovani che hanno la possibilità praticarlo come momento di crescita sportiva ma anche umana”.

Soddisfazione è stata espressa anche da Nanni Giavarini, presidente Fit – Parma.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parma, Campionati italiani under 16 maschili di tennis Parma, Campionati italiani under 16 maschili di tennis ultima modifica: 2014-08-26T18:02:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento