Bossetti, non ci sono accessi a siti pedopornografici

L’avvocato Claudio Salvagni, legale di Massimo Giuseppe Bossetti, bolla come false le notizie circolate sulle presunte ricerche online a sfondo pedopornografico effettuate dal muratore accusato della morte di Yara Gambirasio.

Da indiscrezioni, infatti, si apprenderebbe come i primi accertamenti sui computer sequestrati a casa del muratore di 44 anni stiano forse svelando il movente del delitto della giovane di Brembate. Dalle memorie analizzate, secondo i media, emergerebbe come su un motore di ricerca sia stata digitata più volte, l’ultima lo scorso maggio, “la parola ‘tredicenni’, seguita da caratteristiche e dettagli porno”, e come siano state “scaricate immagini dal contenuto pedopornografico”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bossetti, non ci sono accessi a siti pedopornografici Bossetti, non ci sono accessi a siti pedopornografici ultima modifica: 2014-08-23T11:30:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento