Vino pisano, quest’anno acini grandi e vendemmia ritardata a metà settembre

UvaValdera, Valdarno e Valdicecinala vendemmia rimandata a metà settembre visto che è stata un’estate troppo piovosa. Lo hanno deciso le aziende vitivinicole della provincia di Pisa che hanno già selezionato circa 900 persone attraverso i centri per l’impiego o con il passaggio dai centri Informagiovani per la produzione del vino. Lo rende noto la Cia di Pisa.

“Per ogni grappolo di uva raccolto – spiega la Confederazione degli agricoltori pisani – si attivano ben 18 settori di lavoro dall’industria di trasformazione al commercio: dal vetro per bicchieri e bottiglie alla lavorazione del sughero per tappi, continuando con trasporti, accessori ed enoturismo. Con la crisi è aumentata la presenza di italiani, soprattutto giovani e donne rispetto agli extracomunitari». In aumento soprattutto le donne (il 40% del totale della forza lavoro), spiega il direttore della Cia, Stefano Berti, «a cominciare dalle studentesse che con la vendemmia trovano una buona opportunità di guadagno, mentre calano gli stranieri scesi sotto il 20%». Il comparto vitivinicolo pisano occupa 3100 ettari, di cui il 40% destinato alla produzione di uva da vino Doc-Docg, e con un fatturato da 15 milioni di euro l’anno e le esportazioni in crescita del 14,5%”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vino pisano, quest’anno acini grandi e vendemmia ritardata a metà settembre Vino pisano, quest’anno acini grandi e vendemmia ritardata a metà settembre ultima modifica: 2014-08-22T06:43:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento