Confcommercio Potenza su ingorgo processi civili

“Il rapporto de Il Sole 24 ore sugli ingorghi del contenzioso civile conferma la situazione d’emergenza che vivono anche le piccole medie imprese e i cittadini con 13.703 nuovi processi civili di primo grado iscritti nel 2012 che collocano la provincia di Potenza a metà classifica delle province italiane per cause civili in rapporto ogni mille abitanti (65,7)”. Lo sostiene in un comunicato la Confcommercio di Potenza.

“Per una disputa commerciale – è spiegato nella nota – un cittadino o un’impresa devono attendere 1.200 giorni per leggere una sentenza del Tribunale. Il nostro Paese, rispetto ai soliti principali partner europei evidenzia una complessità di procedure e di regole, nonché condizioni più sfavorevoli sotto il profilo della struttura dei costi (la tassa per iniziare i processi dal 2002 è aumentata più volte), che inevitabilmente si riflettono in modo negativo sulla produttività totale dei fattori, che spiega gran parte della mancata crescita di lungo periodo”.

Nel comunicato è riportata l’opinione del presidente di Confcommercio di Potenza, Fausto De Mare, secondo il quale “l’intervento del governo e la riforma della giustizia civile annunciata dal ministro Orlando non possono attendere oltre: questi temi sono strettamente collegati all’attività delle micro-ditte alle prese con la ragnatela della burocrazia. Da registrare – conclude De Mare – che la cosiddetta nuova geografia giudiziaria con il taglio del Tribunale di Melfi ha aggravato la lentezza dei procedimenti civili”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Confcommercio Potenza su ingorgo processi civili Confcommercio Potenza su ingorgo processi civili ultima modifica: 2014-08-18T13:30:19+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento