Turismo, Rossi parla direttamente ad arabi, cinesi e russi

Un appello ai turisti russi, arabi e cinesi a visitare la Toscana, ma direttamente nella loro lingua. E’ l’idea venuta ad Enrico Rossi, presidente della Regione che in 3 video, della durata di circa 2 minuti ciascuno, si appella direttamente ai turisti stranieri affinché visitino non solo le mete famose, ma anche mete meno note. Quindi “Mienià zavut Enrico Rossi” per i russi, “Ni hao”  per i cinesi, e “Ana Enrico Rossi, rai gehata Toscana” per gli arabi per iniziare un viaggio verso Firenze, Pisa e Siena certamente, ma anche verso la rinnovata via Francigena lunga ben 370 km con oltre 1.200 strutture ricettive e 200 interventi di animazione nel 2014 per accogliere pellegrini e non solo. E poi la Maremma, con il suo parco, e ancora l’arcipelago toscano con l’isola del Giglio liberata dal relitto della Costa Concordia. Il presidente Rossi si rivolge a un pubblico eterogeneo come quello composto da russi, arabi e cinesi, ma che rappresentano senza dubbio il futuro del turismo, un settore fondamentale in questo periodo di crisi.

“Sono Enrico Rossi presidente della Regione Toscana. Desidero fare alle cittadine e ai cittadini cinesi, russi ed arabi i miei auguri di benvenuto perché anche quest’anno sarete in centinaia di migliaia a scegliere la nostra splendida regione. La vostra presenza qui è un atto di fiducia verso un paese come l’Italia e una regione come la Toscana che ci riempie di orgoglio e di fiducia”. Con queste parole inizia il video che, con tanto di sottotitoli e saluti iniziali in lingua, Rossi indirizza ai tanti turisti potenzialmente pronti a sbarcare nel nostro Paese. Sullo sfondo una panoramica delle bellezze toscane: da Firenze a Pisa, con turisti provenienti da ogni angolo del pianeta.

9 su 10 da parte di 34 recensori Turismo, Rossi parla direttamente ad arabi, cinesi e russi Turismo, Rossi parla direttamente ad arabi, cinesi e russi ultima modifica: 2014-08-04T13:42:18+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento