Cinghiali, Regione sposta inizio caccia di selezione

Un incontro a metà strada, fra emergenza danni dei cinghiali, sicurezza dei cittadini ed esigenze dei cacciatori lucani: così è nata la delibera di giunta che modifica l’art. 4 del Calendario Venatorio, là dove si prevede la caccia di selezione al cinghiale. L’esecutivo ha deciso di dare agli Atc – gli Ambiti territoriali di caccia – la possibilità di rinviare la data di apertura della caccia di selezione dal 2 agosto a una data che non vada oltre il 1° settembre. La decisione è legata alle difficoltà cui andrebbero incontro alcuni Atc, rappresentate nelle settimane scorse da alcune associazioni venatorie. L’appello è stato raccolto dal dipartimento Ambiente e tradotto in un provvedimento che contempera tutte le esigenze. Gli uffici del dipartimento Ambiente, ricorda l’assessore Aldo Berlinguer, sono inoltre disponibili a formare nuovi selecontrollori. La giunta aveva peraltro approvato il Bando Misura 216 con il quale si concedono contributi per i recinti elettrificati che proteggono le colture dai cinghiali. Il bando è scaduto e sono giunte circa 120 richieste, ora in fase istruttoria. Ci sono anche altre concessioni fatte alle associazioni: il 14 settembre, ai soli cacciatori residenti e domiciliati in Basilicata è consentita, nelle stoppie e negli incolti, la caccia alla quaglia (massimo cinque capi a persona). Inoltre, l’addestramento dei cani da ferma, da seguita e da cerca è consentito dal 2 al 31 agosto fino al tramonto mentre, nel periodo di svolgimento della caccia di selezione, viene escluso il tardo pomeriggio.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin