La Fiorentina ritira il sostegno a Tavecchio

Acque agitate intorno a Carlo Tavecchio dopo lo scivolone nell’intervento all’assemblea dei dilettanti che ha sancito il passo ufficiale del dirigente sportivo nella corsa alla presidenza della Figc. La frase sui giocatori stranieri (“qui fanno i titolari quelli che prima mangiavano le banane”) sta spaccando il fronte di chi lo sosteneva. La Fiorentina ha ritirato il sostegno.

I Viola hanno ritirato il proprio sostegno alla candidatura di Carlo Tavecchio alla presidenza Figc. Ad annunciarlo il presidente Mario Cognigni, che dichiara: “La Fiorentina, fedele ai propri valori etici e civili, alla luce della recente affermazione del signor Tavecchio, ritiene non più sostenibile la sua candidatura”. Anche il Cagliari ha votato per la candidatura di Tavecchio ma per ora il presidente Tommaso Giulini ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Massimo Ferrero, presidente della Samp, ha commentato così nel sito del club la “gaffe” del candidato alla presidenza Figc. “Ho votato la sua candidatura per attuare un rinnovamento del movimento basato su una piattaforma programmatica condivisa. Lavoro per un calcio nuovo e per questo non posso condividere ciò che è stato detto venerdì da Tavecchio. Mi auguro si stata solo di una leggerezza”.

“E’ inaccettabile, scandaloso. Tutto il popolo dovrebbe averlo già convinto a fare un passo indietro. Dispiace nel 2014 sentire ancora certe cose”. Queste le parole di Stefano Okaka, attaccante della Sampdoria. Secondo Okaka, poi, “il problema è anche di chi fa stare lì” Tavecchio. “Se chi deve dare l’esempio appena parla dice cose del genere è la fine, si va sempre nella stessa direzione – conclude l’attaccante della Samp, nato in provincia di Perugia da genitori nigeriani -. Dispiace che nel 2014 si parli ancora di queste cose o del colore della pelle, adesso basta”.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Fiorentina ritira il sostegno a Tavecchio La Fiorentina ritira il sostegno a Tavecchio ultima modifica: 2014-07-28T03:11:04+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento