Reggio Calabria, arrestate 19 persone appartenenti al clan Caridi-Borghetto-Zindato

I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Agli arrestati vengono contestati i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso; traffico di droga e concorso in detenzione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco, reati aggravati dall’avere favorito un sodalizio di tipo mafioso.

Tra le persone coinvolte nell’operazione dei Carabinieri dei Comandi provinciali di Roma e Reggio Calabria, denominata “Cripto”, c’è una donna, madre di due affiliati alla cosca “Caridi-Borghetto-Zindato”, che avrebbe svolto un ruolo centrale nell’organizzazione del gruppo criminale facendo le veci dei figli, entrambi detenuti, fungendo da punto di riferimento per gli affari della cosca.

La cosca “Caridi-Borghetto-Zindato” svolge la sua attività criminale nei quartieri di Ciccarello, Rione Modena e San Giorgio Extra di Reggio Calabria. Il provvedimento cautelare che ha portato ai 19 arresti è scaturito dall’indagine condotta dalla Compagnia dei Carabinieri reggini coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia calabrese ed ha interessato i vertici e gli affiliati della cosca. Le indagini hanno anche documentato attività di mutua assistenza attraverso la distribuzione dei proventi criminali ai familiari dei detenuti per sostenere spese legali e di sopravvivenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Reggio Calabria, arrestate 19 persone appartenenti al clan Caridi-Borghetto-Zindato Reggio Calabria, arrestate 19 persone appartenenti al clan Caridi-Borghetto-Zindato ultima modifica: 2014-07-21T09:53:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento