Genova, vende la figlia sedicenne a sessantenne per 150 euro a prestazione

violenzaUna storia di forte degrado. Una nigeriana è indagata per avere “venduto” la figlia di 16 anni a un sessantenne che è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. L’uomo è agli arresti domiciliari, mentre la madre della minore, che l’avrebbe costretta a prostituirsi in cambio di 150 euro a prestazione, è sottoposta alla misura cautelare che le vieta di avvicinarsi alla figlia.

L’africana si è confidata con i compagni di classe di un istituto superiore genovese e con un professore di psicologia. La giovane è stata affidata a un istituto di accoglienza per minori. L’inchiesta è condotta dal pm Federico Manotti e dal procuratore aggiunto Vincenzo Scolastico.

Sia la mamma, sia l’autore della violenza sessuale, in concorso tra loro, sono accusati di induzione alla prostituzione minorile. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, attraverso l’analisi dei tabulati telefonici, gli incontri a pagamento, tutti contrattati dalla mamma, sarebbero avvenuti da novembre del 2013 fino allo scorso marzo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Genova, vende la figlia sedicenne a sessantenne per 150 euro a prestazione Genova, vende la figlia sedicenne a sessantenne per 150 euro a prestazione ultima modifica: 2014-07-19T13:47:58+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1

Lascia un commento