Milano, Palazzina Liberty applicata la pellicola antigraffiti

pellicolo antigraffitiE’ stato completato, alla presenza del Sindaco Giuliano Pisapia, l’intervento antigraffiti della Palazzina Liberty di Largo Marinai d’Italia con l’applicazione di una “pellicola” che garantirà la rimozione più facile e veloce di nuovi graffiti. Si tratta di un’operazione sperimentale realizzata dalla società spagnola JPS – che ha già praticato interventi simili in diverse città spagnole come Barcellona, Vittoria, Toledo e Madrid – con il supporto dei tecnici del Comune.

“Sperimentiamo a Milano un’iniziativa, grazie all’impegno gratuito offerto alla città dall’impresa JPS, che verificheremo il 1 agosto: qualora i risultati fossero positivi l’Amministrazione comunale intende utilizzare questo metodo anche per altri stabili pubblici”.

Lo dichiara l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza.

La Palazzina Liberty è sottoposta al vincolo monumentale da parte della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Culturali. Dopo la pulitura delle superfici della struttura effettuata la settimana scorsa da Amsa a titolo gratuito e dal Nuir ( Lavori pubblici), l’intervento ha riguardato le facciate della palazzina, sino ad un’altezza di due metri e mezzo, caratterizzate nella parte bassa da superfici in pietra e in quella superiore da superfici in intonaco.

La pellicola applicata salvaguarda il rivestimento in pietra e in intonaco agendo come un film protettivo che consentirà la rimozione dei graffiti utilizzando solo una spugna, acqua tiepida e un materiale speciale. Questo tipo di intervento non invasivo – che ha ricevuto l’approvazione della Soprintendenza – è in grado di garantire la tutela della struttura anche sotto il profilo estetico per i prossimi 5 anni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, Palazzina Liberty applicata la pellicola antigraffiti Milano, Palazzina Liberty applicata la pellicola antigraffiti ultima modifica: 2014-07-17T08:51:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento