Art. 18, abolirlo è insulto a lavoratori

“Ma quand’è che la smetteranno di sbandierare la compressione dei diritti come la panacea di tutti i mali del nostro Paese? Il patto di Alfano che prevede l’abolizione dell’art. 18 è un insulto ai lavoratori, ai precari e anche ai tantissimi disoccupati”. Lo ha detto in una nota, il senatore Giovanni Barozzino, capogruppo di Sel in commissione Lavoro che ha aggiunto: “Discutere di aria fritta o porre condizioni che non servono a nulla sembra diventato lo sport nazionale e serve solo a far parlare di sé, mentre non si fa niente, ma proprio niente, per creare il lavoro per i giovani e per scongiurare i licenziamenti dei cinquantenni”.

“La verità è che la mancanza di diritti provoca solo disoccupazione e un lavoratore senza diritti è privato anche della dignità, ce lo insegna la storia, ma evidentemente per alcuni – ha concluso Barozzino – è molto più comodo non imparare la lezione”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Art. 18, abolirlo è insulto a lavoratori Art. 18, abolirlo è insulto a lavoratori ultima modifica: 2014-07-14T14:41:13+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1

Lascia un commento