Vicenza Tribunale, stabilite le criticità per definire soluzioni e responsabilità

Si è tenuto a palazzo Trissino l’incontro voluto dal sindaco Achille Variati per fare il punto sui problemi del nuovo palazzo di giustizia di Vicenza, a Borgo Berga. Erano presenti, oltre al sindaco, l’assessore alla cura urbana Cristina Balbi con i tecnici comunali, il procuratore capo Antonino Cappelleri, il presidente del tribunale Oreste Carbone, l’ingegner Mario Gallinaro del gruppo di progettazione, l’ingegner Michele Fumarola per la ditta Codelfa che ha costruito l’edificio e l’ingegner Laura Romito per conto della ditta Ranzato incaricata della manutenzione.

Nel corso della riunione sono state evidenziate le principali criticità via via emerse nell’utilizzo della struttura: situazione delle guaine, scarichi delle acque meteoriche, scarichi esterni, scivolosità della pavimentazione esterna, situazione delle vasche fontane, problemi relativi all’impianto di riscaldamento e raffreddamento, vibrazioni dovute agli impianti, gruppo elettrogeno ed altri impianti di emergenza, manutenzione, problematiche di assestamento.

Obiettivo delle parti è infatti verificare quanto di queste disfunzioni sia legato a criticità di progettazione e realizzazione, garantite da una polizza assicurativa decennale da 21,9 milioni di euro, e quanto dipenda invece dalla manutenzione di competenza del Comune, proprietario dello stabile.

Ora che sono state definite le problematiche, ciascuna parte effettuerà i propri approfondimenti in vista di un nuovo tavolo, questa volta soltanto tecnico, con l’obiettivo di trovare un’intesa per la soluzione definitiva dei problemi senza la necessità di aprire contenziosi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vicenza Tribunale, stabilite le criticità per definire soluzioni e responsabilità Vicenza Tribunale, stabilite le criticità per definire soluzioni e responsabilità ultima modifica: 2014-07-08T02:41:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento