Presentato il programma di E…state nei Parchi

“Un’iniziativa utile a sviluppare la percezione della natura”: così il direttore generale del dipartimento Ambiente e territorio, Carmen Santoro, ha definito il programma “E… state nei Parchi e nelle Aree protette 2014”, presentato questa mattina nella Sala Bramea della Regione Basilicata. L’iniziativa è stata sposata in pieno dall’assessore all’Ambiente, territorio, opere pubbliche e mobilità Aldo Berlinguer. L’assessore si è detto molto soddisfatto di questo progetto capace di educare grandi e piccoli a un rapporto più sano e più profondo con la natura.

Presenti alla conferenza i dirigenti e funzionari regionali che hanno reso possibile realizzare questo nutrito calendario inserito nel progetto Epos, in una sala piena di esponenti delle aree protette lucane di ogni tipo.

“Non è una mera serie di passeggiate all’aria aperta – dice Santoro – ma un’importante manifestazione che rientra nella cornice di oculata valorizzazione dell’ambiente dell’amministrazione regionale”.

Pieno appoggio dall’Ente Parco nazionale del Pollino, il cui direttore Annibale Formica ha ricordato la sua entusiastica adesione dal primo momento.

Idem per il Parco nazionale Appennino Lucano, Val d’Agri e Lagonegrese: il presidente Domenico Totaro, che ha definito l’iniziativa “un primo modello da portare avanti” e “una buona pratica a livello nazionale”.

Il dg Santoro ha aggiunto che “ogni iniziativa che sia finalizzata a mantenere la presenza dei giovani in Basilicata sarà sempre accolta positivamente e supportata dalla Regione”.

L’architetto Anna Abate del dipartimento, “cuore” dell’iniziativa, ha poi spiegato che il calendario si compone di ben 78 iniziative diverse, spalmate da luglio a settembre. L’obiettivo: far sì che i cittadini imparino ad amare profondamente la natura in cui vivono.

9 su 10 da parte di 34 recensori Presentato il programma di E…state nei Parchi Presentato il programma di E…state nei Parchi ultima modifica: 2014-07-08T20:17:39+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento