Vicenza, accordo tra pubbliche amministrazioni per l’acquisto di servizi informatici

Il Comune di Vicenza stipulerà un accordo con altre pubbliche amministrazioni per l’acquisto di servizi informatici.
Gli aderenti potranno quindi affidarsi ad un unico operatore economico per l’acquisto di servizi di firma digitale, marcatura temporale, conservazione a norma dei documenti informatici, posta elettronica ed help desk.
Gli enti locali aderenti, e quindi anche il Comune di Vicenza, potranno aderire con la presentazione di un Piano dei Fabbisogni. In particolare la Regione Veneto assumerà la funzione di referente organizzativo per la gestione amministrativa associata dell’acquisto e si appoggerà al Comune di Vicenza, capofila degli enti aderenti al Centro Servizi Territoriali del vicentino.
L’obiettivo dell’accordo è di rendere omogenee le tecnologie i processi, gli standard e le regole di gestione e conservazione dei documenti amministrativi informatici tra le pubbliche amministrazioni del territorio regionale.
I Comuni aderenti avranno così un effettivo risparmio e potranno partecipare a gruppi di lavoro formativi che la Regione Veneto organizzerà su questo tema.
“Questi strumenti sono come i mattoni che servono a costruire una casa, quindi sono il materiale fondamentale per realizzare una pubblica amministrazione digitale – ha dichiarato l’assessore alla semplificazione e innovazione Filippo Zanetti -. Grazie a questo accordo noi possiamo scegliere gli strumenti più adatti, uniformi con gli altri comuni della regione e a prezzi più competitivi. E’ un passo importante verso la digitalizzazione dell’ente, obiettivo di questa amministrazione, per la semplificazione della vita dei cittadini e delle imprese”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vicenza, accordo tra pubbliche amministrazioni per l’acquisto di servizi informatici Vicenza, accordo tra pubbliche amministrazioni per l’acquisto di servizi informatici ultima modifica: 2014-06-27T17:39:55+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento