Pisa, riqualificazione di la Vettola

I primi mille metri saranno pronti entro questa sera. Gli ultimi cinquecento, quelli compresi fra la curva all’altezza della ditta farmaceutica Guidotti e il cavalcavia di San Piero a Grado, invece, verranno completati all’inizio della prossima settimana. E’ in dirittura d’arrivo l’attesa riasfaltaturadegli 1,5 chilometri di via Livornese che dividono esattamente a metà la popolosa frazione di La Vettola e di cui da tempo i residenti e gli utilizzatori chiedevano la risistemazione. Uomini e mezzi, infatti, sono entrati in azione alla fine della scorsa settimana e completeranno l’intervento entro la prima metà della prossima, inclusa la realizzazione della nuova segnaletica orizzontale.

I lavori sono coordinati da Acque spa dato che quello in corso è solo l’ultima tessera di un progetto benpiù ampio, dall’importo complessivo di 1,7 milioni di euro e della durata di un anno e mezzo circa, che ha consentito di installare la nuova tubazione dell’acquedotto a servizio anche di San Piero a Grado e Litorale e, soprattutto, di dotare per la prima volta il quartiere di La Vettola della nuova fognatura nera.

Gli interventi principali, che hanno interessato anche la sede stradale deteriorandone un po’ il manto (per altro, anche in precedenza piuttosto usurato) si erano conclusi nell’inverno scorso. Poi qualche mese per realizzare gli allacciamenti sia alla nuova rete fognaria che all’acquedotto. E, infine, dalla fine della settimana scorsa il via alla riasfaltatura: il cantiere, che comunque s’interromperà stasera per riprendere lunedi in modo da consentire la circolazione in tutte e due i sensi di marcia, non prevede alcuna interruzione della circolazione nemmeno durante i lavori dato che nel tratto interessato dall’intervento si può comunque transitare a senso unico alternato.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, riqualificazione di la Vettola Pisa, riqualificazione di la Vettola ultima modifica: 2014-06-27T17:28:14+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento