L’Aquila, infiltrazione dei Casalesi nei cantieri della ricostruzione

I Finanzieri hanno tratto in arresto sette imprenditori impegnati nella ricostruzione seguita al terremoto dell’Aquila del 2009. Quattro di loro sono finiti in carcere e tre ai domiciliari. I provvedimenti riguardano una lunga indagine sull’infiltrazione dei Casalesi nei cantieri della ricostruzione degli edifici privati danneggiati dal sisma.

Gli imprenditori devono rispondere, a vario titolo, di estorsione aggravata dal metodo mafioso, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

I militari hanno eseguito decine di perquisizioni nei confronti di imprenditori coinvolti nella vicenda nelle province dell’Aquila, Caserta e Roma.

Lascia un commento