A Matera nel 2015 il XV Forum Camere Commercio Adriatico

A Matera nel 2015 il XV Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico. La candidaturà – è sottolineato in una nota – è stata ufficializzata nel recente vertice di Corfù (Grecia), dal presidente della Camera di commercio di Matera, Angelo Tortorelli, nel corso dei lavori incentrati sul tema “Macroregione Adriatico Ionica: il ruolo delle Camere di commercio nei nuovi scenari economici”. Un evento che ha consentito di promuovere ulteriormente il progetto Mirabilia, ideato dalla capofila Camera di commercio di Matera e che mette in rete gli enti camerali di Brindisi, Genova, La Spezia, Messina, Padova, Perugia, Salerno, Udine e Vicenza, sede di beni tutelati dall’Unesco. “L’attenzione ottenuta sul progetto Mirabilia a Corfù dalla macroregione adriatica, che coinvolge Paesi dell’area mediterranea a balcanica- –ha detto il presidente della Camera di commercio di Matera, Angelo Tortorelli – hanno costituito un ottimo presupposto per portare a Matera nel 2015 il Forum delle camere di commercio. E’ un’opportunità importante che rafforza il sistema camerale e apre alla interazione su temi come il turismo, l’agroalimentare, i beni culturali, i servizi, la logistica. La Basilicata, del resto, è collocata nel cuore del Mediterraneo e può svolgere un importante ruolo di raccordo tra le diverse realtà della macroregione adriatica. Matera, per la sua storia millenaria, crocevia di antiche civiltà – ha concluso – intende così rafforzare (ospitando il Forum 2015) il percorso di candidatura a capitale europea della cultura per il 2019 e coinvolgere appieno il sistema produttivo nei processi di internazionalizzazione attivati con Mirabilia, Medita, Siaft e con il prezioso apporto dell’azienda speciale Cesp”.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Matera nel 2015 il XV Forum Camere Commercio Adriatico A Matera nel 2015 il XV Forum Camere Commercio Adriatico ultima modifica: 2014-06-13T16:45:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento