Con RomAria aumenta informazione sulla qualità dell’aria

Si è svolto, presso il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale, il Workshop “Qualità dell’aria e cancerogeni ambientali: le evidenze disponibili, gli effetti sulla salute e il Progetto EXPAH”.

Rispetto alla problematica oggetto dei lavori del Workshop, l’assessore all’Ambiente, Agroalimentare e Rifiuti, Estella Marino, ha così dichiarato. “Il compito di questa amministrazione è quello di promuovere un progressivo abbattimento delle emissioni inquinanti, che hanno dimostrato di avere un’incidenza sulla salute dei cittadini ancora preoccupante, e coinvolgere la popolazione grazie a una maggiore informazione e sensibilizzazione. Per questo il portale “romariasalute” è un importantissimo strumento affinché le politiche atte alla diminuzione degli inquinanti possano essere meglio comprese e condivise dai cittadini”.

Il sito RomAria Salute è infatti pensato per chi vuole avere maggiori informazioni sull’inquinamento e sui suoi effetti sulla salute, anche considerando tutti quei problemi che vengono aggravati dall’inquinamento. Negli ultimi anni la ricerca epidemiologica e tossicologica ha fatto notevoli passi in avanti per dimostrare quali siano le conseguenze a lungo termine dell’esposizione alla miscela di polveri e gas che penetra quotidianamente nei polmoni di chi abita in città o in aree industriali.

Il portale, ha ancora aggiunto l’Assessore “permetterà ai cittadini utenti di avere le informazioni sui diversi inquinanti, i valori giornalieri rilevati dalle centraline ARPA, la previsione dei valori della qualità dell’aria nei giorni successivi e quali sono le zone della città più (o meno) inquinate in base ai valori annuali, riportati su una mappa di Roma dettagliata e navigabile con un sistema geografico”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Con RomAria aumenta informazione sulla qualità dell’aria Con RomAria aumenta informazione sulla qualità dell’aria ultima modifica: 2014-06-12T05:57:28+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento