Carabinieri, cerimonia per il bicentenario

L’Arma dei carabinieri ha celebrato anche a Padova il bicentenario della sua fondazione. La funzione si è svolta al comando Legione carabinieri Veneto ed è stata presieduta dal generale di divisione Antonio Ricciardi, comandante interregionale carabinieri “Vittorio Veneto”. Alla cerimonia sono intervenute autorità locali della regione, le rappresentanze dell’associazione nazionale carabinieri, delle associazioni combattentistiche e d’arma, i vessilli decorati di medaglia d’oro al valor militare dell’università di Padova e della città di Venezia nonché quelli della Regione Veneto della Provincia e della città di Padova.

Tra i presenti il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, il comandante della Legione Veneto, gen. di br. Maurizio Mezzavilla, e il comandante del Coespu, gen. di br. Paolo Nardone. Il gen. Ricciardi ha incontrato prima della cerimonia i familiari delle vittime del dovere e gli assistiti dell’ente di assistenza per gli orfani dei militari dell’arma, per rinnovare loro la riconoscenza dell’istituzione, per il sacrificio dei congiunti. Nel corso della funzione l’alto officiale ha passato in rassegna lo schieramento, reso gli onori ai caduti, commentato la ricorrenza e, infine, consegnato, le ricompense ai militari che si sono particolarmente distinti in operazioni di servizio.

Il comando interregionale carabinieri “Vittorio Veneto”, che raggruppa le regioni amministrative Veneto, Trentino Alto  Adige, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna, è strutturato sui corrispondenti 4 comandi di Legione, da cui dipendono 22 comandi provinciali, 99 comandi di compagnia, 7 tenenze, 880 stazioni e numerosi altri reparti di alta specializzazione, con una forza complessiva di oltre 15.000 Carabinieri.

9 su 10 da parte di 34 recensori Carabinieri, cerimonia per il bicentenario Carabinieri, cerimonia per il bicentenario ultima modifica: 2014-06-09T19:53:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento